Pubblicato il

Tarquinia, quartiere Peep: in arrivo un parco pubblico in via Aldo Moro <br />

TARQUINIA – Riqualificazione del quartiere Peep. L’amministrazione comunale spinge sull’acceleratore. Diventa realtà la costruzione di un parco pubblico con giochi, campi all’aperto per l’attività sportiva e spazi con panchine e tavoli. Il nuovo giardino sorgerà in Via Aldo Moro, nell’area verde che dal monumento dedicato ai Bersaglieri si estende fino alla chiesa Madonna dell’Olivo. Un obiettivo ambizioso che, nelle intenzioni dell’amministrazione comunale, dovrà rispondere alla realtà di un quartiere, alla cui crescita negli anni non è corrisposto un miglioramento della vivibilità e dei servizi offerti ai residenti e, soprattutto, all’esigenza più volte manifestata dai cittadini di un posto dove far giocare i bambini, far passare del tempo libero alle persone non più giovani ed in cui i ragazzi più grandi possano praticare sport. Soddisfazione viene espressa dal sindaco Mauro Mazzola. “Le promesse vanno mantenute. – dichiara – L’impegno di riqualificare il Peep, che personalmente, insieme alla giunta, ho manifestato più volte, non sarà fatto solamente di parole al vento. Ed il nuovo parco pubblico è lì a dimostrarlo”. Per l’assessore ai lavori pubblici Anselmo Ranucci viene raggiunto un obiettivo rilevante. “Sarà, infatti, quel luogo d’incontro e di socializzazione, – afferma – che ancora oggi nel quartiere Peep, in cui vivono oltre 5000 persone, manca e di cui si avverte la necessità di realizzarlo”. Nel dettaglio il progetto prevede la realizzazione di due campi nelle immediate vicinanze della chiesa, mentre dietro al monumento dedicato ai fanti piumati sarà posizionato uno spazio giochi riservato ai più piccoli ed una zona pensata per gli anziani, in cui saranno ubicate delle panchine e dei tavoli da pic-nic. Per garantire la sicurezza ed evitare che le nuove opere siano oggetto di atti vandalici sarà, poi, installato un impianto di video sorveglianza che monitorerà ventiquattro ore su ventiquattro la situazione. “Il giardino non sarà una cattedrale nel deserto, – conclude Ranucci – ma il fiore all’occhiello in una pianificazione di riqualificazione ad ampio respiro che l’amministrazione porterà avanti. Il Peep rappresenta, infatti, una realtà importante della città che è stata per troppo tempo trascurata. Continuare a commetterlo è un errore che il comune non farà”.

ULTIME NEWS