Pubblicato il

Tidei fa la conta: raffica di consultazioni nel weekend

Santa Marinella. Comune in fibrillazione: lungo lavoro per il primo cittadino in vista del consiglio di questa sera Dopo la mancanza del numero legale nella seduta dello scorso giovedì, il sindaco tenta di ricucire lo strappo con la Nuova DC. C’è chi parla di rimpasto Spariti dall’ordine del giorno i punti relativi ai piani urbanistici di Perrazzeta e Rio Fiume

Santa Marinella. Comune in fibrillazione: lungo lavoro per il primo cittadino in vista del consiglio di questa sera Dopo la mancanza del numero legale nella seduta dello scorso giovedì, il sindaco tenta di ricucire lo strappo con la Nuova DC. C’è chi parla di rimpasto Spariti dall’ordine del giorno i punti relativi ai piani urbanistici di Perrazzeta e Rio Fiume

di CRISTIANO A. DEGNI

S. MARINELLA – Se l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Tidei sia «giunta al capolinea», per parafrasare l’assessore Quartieri, lo potremo comprendere solo stasera durante la seduta di consiglio comunale. Il clima in città è effervescente. Sono fitti gli impegni dei consiglieri comunali di maggioranza, alcuni dei quali si sono riuniti intorno a Pietro Tidei anche domenica sera. Gli ultimatum lanciati dai consiglieri della Nuova Dc sono stati ben compresi e metabolizzati. Ne è il segno tangibile l’ordine del giorno della seduta di questa sera dal quale sono scomparsi gli accenni alla discussione dei temi urbanistici riguardanti le zone di Perrazzeta e Rio Fiume. Il sindaco sta meditando anche di dare una svolta decisiva a tutta la storia. Voci ben informate lo darebbero sul punto di presentare le dimissioni, cosa con la quale potrebbe ottenere il risultato di decidere da protagonista il futuro della coalizione e di non subire alcun ricatto istituzionale. Le dimissioni del sindaco, poi, sono un atto revocabile nei venti giorni successivi e facendo trascorrere questo periodo potrebbe dedicarsi anche all’appuntamento con il Partito Democratico, il 14 ottobre sono fissate le elezioni dei rappresentanti nazionali e regionali, con maggiore tranquillità. L’ipotesi più accreditata lo darebbe invece intento a progettare un rimpasto. Ridisegnare il programma di governo evidenziando quattro o cinque punti focali da realizzare entro un anno ed inserire in giunta un paio di elementi della minoranza da usare come puntello contro eventuali ulteriori maldipancia di consiglieri della sua squadra. Questa è l’ipotesi di ‘‘larghe intese’’ che non trova comunque un grosso appeal né da una parte nè dall’altra dello schieramento; difficilmente potremmo quindi trovare tra qualche giorno Venanzo Bianchi come vicesindaco di una città ormai alla finestra. La curiosità di capire come possa finire è tanta e l’unica certezza ormai sta pervadendo tutti: i colpi sono molti e giungono tutti da una coalizione che doveva, a nemmeno metà mandato, ancora essere unita ed invece sta subendo bordate proprio dai suoi assessori. Stasera non dovrebbero esserci problemi di sorta. In consiglio si parlerà di equilibri di bilancio e non ci sono argomenti importanti. I problemi potrebbero però ricominciare domattina. Nemmeno l’incontro avvenuto ieri pomeriggio tra il sindaco Tidei ed il consigliere Eugenio Fratturato è riuscito a dissolvere tutti i dilemmi che ruotano intorno alle vicende del governo cittadino. Alla base dei discorsi ci sarebbe ancora l’ingresso di Fratturato in maggioranza ma pare che questo debba essere accompagnato da incarichi di peso e il sindaco di Santa Marinella non sarebbe nelle condizioni di poterli garantire senza intaccare le prerogative e gli spazi di manovra degli altri gruppi politici esistenti in maggioranza. Anche quest’ultimo scoglio dovrebbe comunque essere risolto entro fine settimana, dopo la riunione di tutte le forze che compongono la coalizione.

ULTIME NEWS