Pubblicato il

Tidei: ''Stiamo rispettando il programma elettorale''

di CRISTIANO A. DEGNI

SANTA MARINELLA – Il sindaco Tidei replica alle affermazioni, a tratti provocatorie, del presidente del Consiglio Comunale Renzo Barbazza (nella foto) e della sinistra cittadina e lo fa passando la palla in sostanza alla maggioranza che lo sostiene.
Infatti sceglie di non decidere, di non affrontare il problema e di rimettere Barbazza ed i suoi al giudizio dei colleghi di governo. «Le questioni sulle quali il delegato alla sanità Renzo Barbazza richiama l’attenzione dell’Amministrazione sono importanti e soprattutto alcune delle considerazioni svolte nel documento sono condivisibili e meritano un approfondimento sereno».
Questo il commento del sindaco Pietro Tidei, trasmesso ieri per mezzo di una nota ufficiale, all’iniziativa di Barbazza, del Pdci e dell’associazione “Il paese che Vogliamo” ed al documento che ha sottolineato alcune questioni che, dal loro punto di vista, dovevano essere oggetto di precisa risposta da parte del primo cittadino, destinatario della missiva.
Si andava infatti dal problema riguardo la compatibilità tra l’incarico di consigliere comunale e quello di consigliere nei consorzi cui il comune partecipa, alla valorizzazione dei quadri comunali, all’alternanza nelle funzioni di capogruppo di maggioranza, alla Multiservizi, alle spese per l’assistenza, alla farmacia comunale, all’assetto della costa e degli arenili, alla commistione tra incarichi politici e imprenditoria locale.
«Mi sento però di poter sostenere fin da ora – aggiunge il sindaco – che niente è stato fatto al di fuori del programma elettorale che tracciava linee che hanno costituito, e costituiscono, riferimento costante nell’azione di governo. Ora, diversi di questi argomenti sollevati nel documento, tra cui la questione riguardante il capogruppo – prosegue il sindaco Tidei – verranno da me portati all’attenzione della maggioranza e in quella sede discussi e condivisi, in nome della medesima collegialità alla quale lo stesso Barbazza fa riferimento. Tutto ciò – conclude – nel rispetto della individualità di ciascun consigliere, ma al tempo stesso della “individualità” della maggioranza che merita la stessa attenzione e lo stesso rispetto».

ULTIME NEWS