Pubblicato il

Violenza sessuale, Angelo Mammoli di nuovo in carcere

Il 61enne che era ai domiciliari per pedofilia è stato arrestato dai carabinieri con l'accusa di aver abusato di una donna che era testimone d'accusa nel procedimento a suo carico

Il 61enne che era ai domiciliari per pedofilia è stato arrestato dai carabinieri con l'accusa di aver abusato di una donna che era testimone d'accusa nel procedimento a suo carico

ARRESTOE’ finito di nuovo in carcere Angelo Mammoli, il 61enne arrestato nel luglio dello scorso anno con l’accusa di violenza sessuale su minore, già rinviato a giudizio per lo stesso reato.
L’uomo, secondo i carabinieri, si sarebbe macchiato di una nuova violenza sessuale, questa volta nei confronti di una donna di 40 anni, testimone d’accusa nel procedimento a suo carico, che avrebbe attirato nella casa di Borgata Aurelia dove stava scontando gli arresti domiciliari concessigli per incompatibilità col regime carcerario.
Per ben due volte la donna sarebbe stata attirata nell’abitazione del Mammoli, probabilmente, secondo quanto ipotizzano i carabinieri, dietro minacce. La prima volta l’uomo si sarebbe fatto consegnare il telefono cellulare della donna per utilizzarlo al posto del suo che riteneva essere controllato e che comunque il regime cui era sottoposto gli impediva di usare.
La seconda volta invece pare abbia dapprima minacciato la 40enne cercando di impedirle di rendere la sua testimonianza.
Poi avrebbe tentato un approccio di tipo sessuale, al quale la vittima si sarebbe sottratta, riuscendo poi infine nell’intento di avere un rapporto con lei. Una chiacchierata della donna col carabiniere di quartiere, al quale si era rivolta subito dopo l’episodio, ha dato poi l’avvio alle indagini che si sono concluse con in nuovo arresto del Mammoli su ordine del Tribunale.
Ora l’uomo, il cui processo per pedofilia inizierà il 12 luglio, dovrà rispondere anche di violenza sessuale aggravata nei confronti della donna.
A quanto sembra comunque, subito dopo il nuovo arresto, i carabinieri avrebbero perquisito l’abitazione in cui Angelo Mammoli stava scontando i domiciliari uscendone con un voluminoso plico di documenti, probabilmente sequestrati all’uomo. Gli uomini dell’Arma ne starebbero, proprio in queste ore, esaminando il contenuto.
Mammoli fu arrestato la prima volta nel luglio del 2006 con l’accusa di aver usato violenza sessuale nei confronti di un ragazzino.

ULTIME NEWS