Pubblicato il

Cgil: "Non è la Galletta a essere incompetente"

CIVITAVECCHIA – L’accusa di incompetenza rivolta all’assessore Galletta da parte del Sindaco è intollerabile. Anche perché se l’Assessore fosse incompetente, il primo ad esserlo allora sarebbe proprio il sindaco Tidei che l’ha scelta senza prima «accertarsi della preparazione e delle capacità della persona». A difendere l’Assessore senza portafoglio è il segretario generale CdLT Cgil ‘‘Roma Nord Civitavecchia’’ Cesare Caiazza. «Io credo – dichiara – che l’assessore Galletta non sia incompetente bensì una che dice quello che pensa, con l’onestà morale e intellettuale di chi, con capacità di ascolto, è disponibile a rettificare e modificar4e anche le proprie opinioni». Questa l’unica colpa della Galletta «nei confronti di un Sindaco intollerante nei confronti del dissenso e delle opinioni diverse». E a considerare «ingenerose» le dichiarazioni del primo cittadino è lo stesso Assessore che ricordando le tante attività e iniziative messe in atto, chiede al Sindaco «solo di rispettare non tanto il ruolo istituzionale di assessore che lui stesso mi ha dato, quanto la dignità della mia persona, evitando spiacevoli e inutili polemiche e conseguentemente ingiuste responsabilità addossate a chi ha titoli, competenze e, cosa di non poco conto in questo nostro  provero Comune, amore e passione per il proprio lavoro».

ULTIME NEWS