Pubblicato il

Aponte raddoppia a Civitavecchia

Presentate ieri le nuove linee della Snav per Palermo, con Gnv, e Olbia. Il direttore generale Aiello: L'armatore, già  presente con Msc Crociere, si è inserito nella crescita dello scalo. Il collegamento per la Sardegna partirà  il 22 giugno. La compagnia punta sulla qualità  del servizio

Presentate ieri le nuove linee della Snav per Palermo, con Gnv, e Olbia. Il direttore generale Aiello: L'armatore, già  presente con Msc Crociere, si è inserito nella crescita dello scalo. Il collegamento per la Sardegna partirà  il 22 giugno. La compagnia punta sulla qualità  del servizio

àˆ già  di fatto attiva dal 29 aprile scorso la nuova linea di collegamento Civitavecchia-Palermo presentata ieri dal direttore generale della compagnia, Raffaele Aiello, e dal presidente Nicola Coccia. Un appuntamento di prestigio se si pensa che la Snav, forte di una flotta di 24 navi veloci, da 10 anni appartiene al gruppo di Gianluigi Aponte, il più grande armatore del mondo. Si tratta di un collegamento che non intende fare concorrenza a quello messo in piedi dalla Grimaldi – ha precisato Aiello – ma anzi le nostre due compagnie hanno creato una vera e propria joint per la gestione comune della linea. Il direttore generale ha anche sottolineato come l'arrivo di Snav abbia rafforzato il presidio'' nello scalo cittadino del Gruppo Aponte, già  presente con Msc Crociere, ricordando come, grazie al lavoro svolto in questi anni dall'attuale commissario dell'Autorità  Portuale Gianni Moscherini, il porto di Civitavecchia, l'unico cresciuto sensibilmente per quantità  di accosti, possa essere protagonista di ulteriori progetti di sviluppo, come il nuovo collegamento, sempre targato Snav, con Olbia, che sarà  inaugurato il 22 giugno. Tutte linee – ha concluso il direttore – per le quali la compagnia ha voluto puntare sulla qualità , mettendo a disposizione ottimi servizi anche per tragitti tutto sommato brevi.

Il fatto che si susseguano inaugurazioni e presentazioni è buon segno – ha invece detto il commissario dell'Authority Moscherini – perchà© significa che stiamo sfruttando le potenzialità  che l'ottima posizione geografica offre a Civitavecchia, che possiedeanche enormi spazi retroportuali, vantaggio che altri porti come Genova e Napoli ad esempio non hanno, che sono premessa indispensabile per lo sviluppo delle Autostrade del Mare. Il numero uno di Molo Vespucci spiega di aver letteralmente corteggiato'' Snav, sempre nell'ottica di cercare di fidelizzare i grandi'', come avvenuto per i tre big'' delle crociere, che, ha ricordato Moscherini, diventando terminalisti di sà© stessi, garantiranno una presenza trentennale nel porto. E pensare che quando facevo visita ad Aponte con i nostri progetti – ha raccontato il commissario – pensava che non ce l'avremmo fatta. Invece oggi il porto è in continua crescita sotto tutti i punti di vista. L'arrivo di Snav è in questo quadro un momento storico e strategico per noi, perchà© aggiunge un tassello importante al progetto di sviluppo dello scalo. Prima le crociere, per le quali abbiamo già  il primato, con 1.150.000 passeggeri. Oggi, anche grazie a Snav, le Autostrade del Mare, mentre per domani l'obiettivo è quello dei container.

A chiudere gli interventi è il presidente di Confitarma, e della stessa Snav, Nicola Coccia, che elogia l'Authority per la proposta di far realizzare agli stessi armatori un terminal crociere, per poi passare al tema proprio delle Autostrade del Mare, sottolineando le grandi potenzialità  del porto di Civitavecchia. Lo shipping è la premessa indispensabile per la globalizzazione – ha detto Coccia – perchà© ormai la produzione è sparsa in tutto il mondo e la vera sfida è nella logistica. La partita – conclude – per gran parte si giocherà  nel Mediterraneo e Civitavecchia ha le carte in regola per fare la parte del leone.

ULTIME NEWS