Pubblicato il

Energia in gioco'' ai nastri di partenza

Tra le novità  della terza edizione una prova speciale di creatività . Gli studenti potranno anche realizzare un progetto legato al territorio

Tra le novità  della terza edizione una prova speciale di creatività . Gli studenti potranno anche realizzare un progetto legato al territorio

Sono più di una le novità  dell'edizione 2006 di Energia in Gioco, il concorso nazionale bandito da Enel, rivolto ad alunni ed insegnanti delle scuole elementari (classi IV e V), medie e superiori, e giunto ormai alla sua terza edizione. Come ha spiegato la responsabile del pogetto Dina Zanieri, ieri mattina presso l'Isis Calamatta, che ha ospitato la presentazione, le modalità  di svolgimento, molto simili allo scorso anno, sono state aricchite di una prova speciale, studiata per stimolare ancora di più la creatività  dei ragazzi.

I modi in cui le classi possono partecipare sono essenzialmente due e prevedono la somministrazione di un quiz di 25 domande, in base ad un percorso didattico (5 domande per ognuna delle aree tematiche, riguardanti le fonti energetiche, le centrali, la rete di distribuzione, l'uso razionale e la sicurezza elettrica, il nuovo mercato dell'energia) o in alternativa la realizzazione di una prova progetto. In questo secondo caso i ragazzi dovranno cimentarsi in proposte per la valorizzazione dell'impianto presente sul proprio territorio (di tipo ambientale, ludico o della pubblica attività ) e per l'uso razionale dell'energia (un progetto per la razionalizzazione dei consumi o una campagna di comunicazione). Ma la vera novità  è appunto la prova speciale nell'ambito della quale saranno premiati lavori appartenenti a tre categorie: cinema e fotografia, letteratura, scienza e tenologia. Le opere migliori approderanno poi, in base alla tipologia, al Busto Arsizio Film Festival, al Festival della Letteratura di Mantova o al Festival della Scienza di Genova.

Tanti e ricchi i premi, che vanno da lettori mp3, fotocamere digitali e vacanze studio per gli studenti, fino a videocamere digitali, pc portatili, weekend all'estero per i docenti e premi in denaro per le scuole vincitrici. La premiazione si svolgerà  invce tra settembre ed ottobre alla presenza del ministro della Pubblica Istruzione

Le idee ha sottolineato la responsabile del progetto possono essere anche molto semplici. Basti pensare che a vincere lo scorso anno è stato un ombrello, realizzato da una V elementare di Catania, semplicemente disegnando in ciascuna sezione immagini che ricordano Enel e l'energia in genere. Mentre lo stesso istituto Marconi di Civitavecchia si è classificato al terzo posto con un filmato che mostra in sequenza esperimenti di laboratorio sulla trasformazione dell'energia chimica in energia elettrica.

Attraverso questo progetto nazionale ha detto il direttore dell'impianto di Tvn Ivano Ruggeri contiamo di stimolare la sensibilità  dei ragazzi su temi fondamentali come quello del risparmio energetico, anche raccontando tutte le problematiche riguardanti i combustibili e le modalità  di approvvigionamento, attraverso un percorso non solo ludico, ma anche formativo e che mira a stimolare la creatività  dei ragazzi. Il mio augurio personale è naturalmente che le scuole civitavecchiesi, nell'ambito del concorso si distinguano come negli anni passati.



I DATI



Sono già  70 i kit didattici (contenenti le linee guida alle quali studenti e insegnanti devono attenersi per la partecipazione al progetto) distribuiti ad altrettante classi di ben 43 scuole del comprensorio. Ben 28 sono le classi di scuola primaria coinvolte, 29 quelle di scuola secondaria di 1° grado e 13 del secondo ciclo per un totale di 2.200 ragazzi. La scadenza per la onsegna dei lavori è fissata per il 28 aprile, data entro la quale le scuole potranno chiedere il supporto di uno degli oltre 110 tutor (tutti esperti qualificati nel setore dell'energia) messi a disposizione dall'azienda nel territorio nazionale. Agli alunni primi classificati andranno un I-pode (primo ciclo) o una vacanza studio (secondo ciclo), agli insegnanti invece un weekend in una capitale europea, mentre le scuole potranno beneficiare di un finanziamento di 6 mila euro.

ULTIME NEWS