Pubblicato il

Superstrada per Orte, basta ritardi

Il tavolo provinciale di Viterbo non si fida dell'Anas e prepara alla mobilitazione. E Pillon rilancia: Occorre affiancarla alla ferrovia

Il tavolo provinciale di Viterbo non si fida dell'Anas e prepara alla mobilitazione. E Pillon rilancia: Occorre affiancarla alla ferrovia

Pronti ad una forte mobilitazione con il coinvolgimento di tutte le forze politiche e sociali, anche al di fuori del territorio. Il tavolo provinciale di Viterbo della concertazione ha deciso: ormai non si può più permettere che la realizzazione della trasversale per Orte subisca ulteriori ritardi. Per questo è stato sottoscritto anche un documento, che verrà  inviato al Governo, alla Regione Lazio, all'Anas e, per conoscenza, anche alla Provincia di Terni e alla Regione Umbria, interessate dall'infrastruttura. Data e luogo della mobilitazione verranno resi noti nei prossimi giorni. Abbiamo stabilito che, di fronte alle non convincenti rassicurazioni dell'Anas, è necessaria una risposta forte, una mobilitazione per la quale dice Mazzoli – auspichiamo la presenza di tutte le istituzioni, le forze politiche, le associazioni di categoria, le organizzazioni sindacali, il mondo delle imprese e naturalmente la popolazione. Ma i collegamenti per Orte non si fermano alla trasversale. Vorrei ricordare ai politici e sindacalisti che si stanno mobilitando per la mancata progettazione della superstrada, che questa mobilitazione rischia di non avere credibilità  se non si ricollega anche alla mancata realizzazione e completamento della ferrovia Civitavecchia Orte. Questo il parere di Gabriele Pillon, del Comitato ferrovia Civitavecchia-Orte'', secondo il quale dimenticarsi della ferrovia è un errore molto grave, perchà© da sola la strada non è capace di poter effettuare il trasporto merci. La politica di favorire solo la gomma ha fatto il suo tempo conclude Pillon ed è per questo che la richiesta di completare la ferrovia per Orte è doverosa, anche in considerazione delle 10.000 cartoline che i cittadini, con questa richiesta, stanno inviando a Marrazzo.

ULTIME NEWS