Pubblicato il

Servizi essenziali: sinergia tra Tolfa e Allumiere

Lo annuncia il sindaco Luigi Landi che parla di opportunità di avviare un consorzio Presto in consiglio una convenzione per una stazione unica appaltante per i lavori pubblici

Lo annuncia il sindaco Luigi Landi che parla di opportunità di avviare un consorzio Presto in consiglio una convenzione per una stazione unica appaltante per i lavori pubblici

TOLFA – Per anni tra Tolfa e di Allumiere c’è stato un forte campanilismo, ma attualmente la situazione si è attutita. «Sono stati, infatti, superati in parte – spiega il sindaco Landi – i dualismi. Prima tra le nostre popolazioni c’era campanilismo e competizione soprattutto in merito all’attività sportiva, ma oggi le cose sono cambiate; la società si è evoluta. Per fortuna non ci sono quasi più barriere ma si respira un clima di grande apertura soprattutto fra la nostra amministrazione e quella allumierasca. Con Battilocchio e la sua giunta c’è sinergia e collaborazione e stiamo portando avanti insieme molte battaglie utili per entrambe le nostre popolazioni». Secondo Landi «Oggi più che mai urge un’associazione fra i comuni di Tolfa e Allumiere per alcuni servizi necessari. Vedrei bene anche un’unione dei nostri comuni per avere una popolazione di 10 mila persone e un territorio di 28 mila ettari e quindi con un potere maggiore e altrettante maggiori opportunità  per le nostre popolazioni. Con l’amministrazione Battilocchio stiamo quindi lavorando per trovare le migliori scelte strategiche, prima fra tutte la possibilità di consorziarci per gestire insieme alcuni servizi. Ma queste non sono più solo parole, ma presto andremo in consiglio comunale per approvare una convenzione che permetterà ai nostri due comuni di avere prima di tutto una stazione unica appaltante per i Lavori Pubblici e altri servizi; successivamente si potrebbe lavorare sull’unificazione della vigilanza (polizia municipale), l’ufficio commercio e tanti altri servizi che possano essere gestiti in maniera unitaria e soprattutto condivisa, con le stesse risorse che dobbiamo mettere insieme. E’ un processo inevitabile e intelligente che ci dovrà portare all’unione dei due Comuni». (Rom. Mos.)  

ULTIME NEWS