Pubblicato il

Consiglio: la maggioranza tenta il dialogo, le minoranze si astengono

Nella seduta tiene banco il dibattito sulle linee programmatiche di Governo. Gatti (Margherita) offre il la: spero che arriveremo a 24 consiglieri. Sinistra, centro destra e liste civiche rispondono astenendosi dal voto. Contrario solo il forzista Romagnuolo

Nella seduta tiene banco il dibattito sulle linee programmatiche di Governo. Gatti (Margherita) offre il la: spero che arriveremo a 24 consiglieri. Sinistra, centro destra e liste civiche rispondono astenendosi dal voto. Contrario solo il forzista Romagnuolo

Primo consiglio all'insegna del dialogo per l'era Saladini. La seduta ha visto passare le linee programmatiche di governo con l'astensione assai significativa delle minoranze. Nota di rilievo è stata, nell'ampio dibattito, l'apertura, da parte della Margherita con Aldo Gatti, al dialogo con le opposizioni: «Speriamo – ha detto Gatti – di arrivare a 24». Un invito che è parso più che altro rivolto a Rifondazione Comunista, al Polo Civico e, addirittura a qualche esponente del centro destra. Ipotesi che è sembrata confermata dal dibattito e dalle dichiarazioni di voto, specie di Prc e Il Risveglio che con Gino De Paolis e Gianni De Paolis hanno annunciato una significativa astensione. Morbido pure l'intervento di Marco Galice e Marco Piendibene di Unione Democratica. Quest'ultimo ha parlato di «opposizione con la mano tesa» e di «non sfiducia» anche se nel suo intervento la polemica non è mancata soprattutto sulla situazione interna ai Ds prima, <IMG style=WIDTH: 189px

ULTIME NEWS