Pubblicato il

Forno: Professionisti locali ion attesa di riscatto

«Una nuova stagione potrebbe aprirsi per i professionisti della città ». Gianfranco Forno (nella foto) apre il dibattito sulle linee guida che il Consiglio Comunale si appresta a discutere sulle nomine pubbliche negli enti e nelle società  controllate dall'Ente Locale.

«Se ciò avverrà  in modo sistematico e professionalmente corretto, Civitavecchia farà  quel salto di qualità  che fino ad oggi abbiamo, invano, atteso. Amministratori e controllori degli enti e delle società  di diretta emanazione dell'amministrazione comunale hanno, negli anni passati gestito con superficialità  ed, in qualche caso, con incompetenza (pensiamo ai vertici della municipalizzata che deve tenere pulita la città ), preoccupandosi, per lo più, di non nuocere a chi li aveva nominati. Abbiamo dovuto assistere ad uno sfrenato uso del culto della personalità , non limitato ai rappresentanti della politica ma addirittura esteso a rappresentanti di organi professionali che, prima, hanno pensato a se stessi e poi ai propri iscritti, personalizzando all'estremo il loro ruolo (mantenendo l'incarico per anni, quasi provenisse dall'Alto) e lasciando completamente a margine l'istituzione che rappresentavano. La recentissima vicenda che vede protagonista, in negativo, l'Interporto, inaugurato poco più di 20 giorni fa (proprio mentre alla Corte dei Conti si stava discutendo una critica relazione su quanto accaduto negli ultimi 5 anni, che ha, di fatto, esautorato l'Amministrazione Comunale dal suo ruolo di guida e di gestione anche, e soprattutto, per merito dei suoi rappresentanti nella società  e dei suoi dirigenti che, a parere della Corte dei Conti, quantomeno risulterebbero impreparati) è l'ultimo esempio di una situazione che, se sarà  applicata correttamente la delibera che si accinge ad approvare il nuovo Consiglio Comunale, non dovrà  più verificarsi. Amministratori preparati e organi di revisione che fanno finalmente il loro mestiere, al di là  ed al di fuori di quelle che possono essere le loro idee politiche, fino ad oggi sono stati mortificati, spesso, da consulenti di fuori. Se ciò accadrà  avremo finalmente valorizzato le professionalità  locali ed andremo a migliorare i servizi resi alla cittadinanza, con una reale trasparenza dell'attività  della pubblica amministrazione».

ULTIME NEWS