Pubblicato il

L'elettrificazione delle banchine non esiste in nessuno scalo al mondo

Il numero uno di Molo Vespucci chiarisce i contorni della vicenda

Il numero uno di Molo Vespucci chiarisce i contorni della vicenda

«L'elettrificazione delle banchine non esiste in nessun porto del mondo. Se ne parla solo a Los Angeles e Civitavecchia». Così il commissario dell'Autorità  Portuale Moscherini replica con una battuta alle tante polemiche sorte in relazione all'argomento, che si trascina ormai sin dalla campagna elettorale. «Dell'elettrificazione – prosegue Moscherini – sono in tanti a parlare, senza sapere che non esistono esempi di questo tipo. A Los Angeles si sta elettrificando una sola banchina, in via sperimentale con costi che si aggirano intorno ai 150 milioni di dollari e non di qualche milione di euro, come invece sostengono alcuni. Per non parlare del fatto che dovremmo prima cercare di capire se gli armatori siano disposti ad investire per dotare le navi della tecnologia necessaria per usufruire degli impianti. Cosa della quale mi permetto di dubitare, visto che le navi di nuova generazione saranno interamente elettriche, per sottrarsi al ricatto del petrolio». Il commissario annuncia invece un accordo con l'Authority di Valencia «con la quale siamo capofila – spiega – di un progetto di Ecoport'', che produrrà  uno studio sulla elettrificazione delle banchine, che sarà  poi sottposto all'attenzione dell'Europa per ottenere finanziamenti. E poi non si dimentichi l'accordo che abbiamo sottoscritto con l'allora assessore regionale all'Ambiente Angelo Bonelli, in base al quale per installare il polo per l'idrogeno è stato scelto proprio il porto».

ULTIME NEWS