Pubblicato il

Operaio rumeno folgorato, scaricato in ospedale in fin di vita

Il giovane stava lavorando alla ristrutturazione di un appartamento in centro. La Procura ha aperto un'inchiesta ipotizzando il reato di lesioni gravi

Il giovane stava lavorando alla ristrutturazione di un appartamento in centro. La Procura ha aperto un'inchiesta ipotizzando il reato di lesioni gravi

Un operaio, probabilmente rumeno, rimane fulminato nell'appartamento in cui stava lavorando ed i suoi soccorritori lo scaricano in ospedale e fanno perdere le loro tracce.

Questa è la scena alla quale hanno assistito gli operatori del Pronto Soccorso del San Paolo, che nel primo pomeriggio di oggi si sono visti recapitare un ragazzo di circa 30-35 anni in stato di incoscienza e con evidenti ustioni. Stando ad alcune indiscrezioni sembra che chi lo ha portato al Pronto Soccorso si sia però subito dileguato. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, che hanno cercato, finora invano, di identificare il ragazzo, del quale si ipotizza solo l'origine rumena. La soluzione dell'enigma sembra però vicina dal momento che gli uomini dell'Arma sono riusciti a ricostruire la vicenda. Il ragazzo stava lavorando come operaio in un appartamento del centro, in ristrutturazione. Al momento dei fatti il giovane stava impastando della calce con il trapano ma dell'acqua è finita sull'apparecchio che, a quel punto, ha liberato una violentissima scossa elettrica che ha folgorato l'operaio. L'appartamento è stato ora posto sotto sequestro, mentre il ragazzo è ricoverato in rianimazione in condizioni molto gravi, soprattutto per le lesioni cerebrali riportate in seguito alla scossa elettrica. I Carabinieri hanno avviato le ricerche degli anonimi accompagnatori mentre la Procura ha aperto un'inchiesta per lesioni gravi, di cui è titolare il pm Edmondo De Gregorio.

ULTIME NEWS