Pubblicato il

Rapina alla Carivit, resta in carcere il civitavecchiese<BR>

Respinta, per la seconda volta, dal Tribunale della libertà , l'istanza di concessione di arresti domiciliari presentata dall'avvocato Andrea Falcetta, legale di M. O., il civitavecchiese incensurato arrestato dai carabinieri in quanto ritenuto complice della rapina ai danni dell'agenzia di viale Togliatti della Carivit.

Dopo il colpo, sventato da un carabiniere in borghese che stava prelevando al bancomat e che ferì con la pistola d'ordinanza uno dei rapinatori, tutta la banda fu arrestata, compreso M. O., considerato colui che mise a disposizione l'appartamento di viale Baccelli (dove fu compiuto l'arresto di quasi tutti complici) come base.

M. O., l'unico civitavecchiese, è in carcere ormai da più di tre mesi. La difesa del giovane ha presentato anche eccezione di incostituzionalità  davanti alla Corte di Cassazione oltre all'istanza (respinta) di ascoltare alcuni testimoni.

ULTIME NEWS