Pubblicato il

Sciopero Tvn, i no coke: Intervenga la Regione

La denuncia dei sindacati sulle condizioni di lavoro del cantiere di TorreValdaliga Nord è pesantissima e dimostra come non aumenta in modo stabile l'occupazione locale e la promessa di posti di lavoro sicuro, sottoscritta dall'Enel negli accordi sindacali, si dimostra ancora una disattesa. Così Marco Renzi e Maurizio Puppi, del comitato No al carbone che, oltre ad esprimere solidarietà  ai lavoratori prossimi alo sciopero chiedono un intervento concreto delle istituzioni: Devono intervenire la Regione ed il Presidente Marrazzo, come quando impedì all'Enel di dragare i fondali oltre il cubagio autorizzato. Attendiamo inoltre l'intervento del Parlamento che deve essere portato a conoscenza della questione dai gruppi politici.

Dal canto suo l'Enel riporta la proposta avanzata ieri dall’Ires, centro studi Cgil, presentando il rapporto Cittadini, sindacato e imprese nel mercato energetico italiano. Secondo l’analisi presentata, l’Italia deve procedere alla realizzazione del piano dei rigassificatori e alla conversione a carbone pulito delle centrali a olio combustibile, e per quest’ultimo caso il riferimento più volte citato è quello della centrale Enel di

Civitavecchia. Vediamo necessario procedere alla realizzazione del piano dei rigassificatori- spiega Agostino Megale, presidente Ires-Cgil – utilizzando bene la cabina di regia e immaginando che i rigassificatori e il completamento delle due centrali a carbone pulito (oltre a Civitavecchia anche Porto Tolle) sono utili e necessari.

ULTIME NEWS