Pubblicato il

«Eugenio Fratturato sostiene Bacheca»

«Eugenio Fratturato sostiene Bacheca»

SANTA MARINELLA. Posizione ufficiale del leader dell’Ancora a pochi giorni dal voto di ballottaggio Il sindaco chiarisce: «Solo dialogo programmatico, nessun accordo su poltrone o incarichi». Fronti: «L’intesa tra i due c’era da tempo. Ci hanno preso in giro. A me ha fatto la lista della spesa»

di GIAMPIERO BALDI

SANTA MARINELLA – «Il rispetto del cittadino, la crescita, lo sviluppo e il lavoro, l’amore per l’ambiente, la sanità, le attività sociali e il volontariato, sono i principali aspetti che hanno condotto alla condivisione del programma amministrativo di Eugenio Fratturato e del candidato Sindaco Roberto  Bacheca. Pertanto, anche se in occasione del ballottaggio non c’è stato apparentamento, Eugenio Fratturato sosterrà Roberto Bacheca nell’interesse dei cittadini e per realizzare gli impegni di crescita di Santa Marinella assunti in campagna elettorale».
A scriverlo è l’ufficio stampa di Eugenio Fratturato in un comunicato giunto un’ora dopo l’incontro tenuto nella mattinata di ieri tra lo stesso Fratturato e il candidato sindaco Massimiliano Fronti. Un incontro praticamente inutile in quanto, come dichiarato dallo stesso Fratturato, il giorno precedente, lo stesso, aveva avuto un incontro con il suo gruppo «in cui a maggioranza è stato deciso di appoggiare il candidato sindaco Roberto Bacheca». Questa la dichiarazione di Fratturato. La domanda allora sorge spontanea, perché Fratturato ha voluto incontrare Fronti 12 ore dopo aver sancito l’accordo con Bacheca? A rispondere al quesito è lo stesso Bacheca che, in una nota stampa, portata all’attenzione dei media afferma «In merito alle ultime indiscrezioni su un accordo con Fratturato – dice Bacheca – tengo a precisare che la mia decisione è lineare, coerente e soprattutto chiara. Sento agitare la coalizione avversaria su eventuali accordi con Eugenio Fratturato. Fin dalle prime ore dello spoglio elettorale dello scorso lunedì 27 maggio, ho dichiarato che non avremmo fatto apparentamenti e accordi ufficiali e ufficiosi con nessuno e così è stato». Parole chiare quelle di Bacheca che poi attacca il suo avversario. «Il candidato Fronti, al contrario, ha sempre dichiarato che avrebbe provato a coinvolgere nella sua coalizione sia Fratturato che Barbazza – continua il sindaco – avendo ricevuto picche dai due, nonostante le numerose offerte di ogni tipo, è comprensibile la rabbia, ma che ora ci attribuisca un eventuale accordo con Fratturato, per quanto mi concerne, è del tutto da escludere. Sono le solite mosse di basso profilo che hanno evidenziato la loro campagna elettorale, condita da insulti e menzogne nei nostri confronti, bocciati sonoramente dai cittadini al primo turno. Il sottoscritto, con la sua coerenza e lealtà, tornerà a chiedere la fiducia ai santamarinellesi su fatti, progetti e proposte concrete per il futuro di Santa Marinella». Bacheca a questo punto un’ammissione la fa. «In quest’ottica c’è stato un dialogo con Fratturato – sostiene il sindaco – in cui abbiamo parlato di programmi. Se poi il gruppo di quest’ultimo deciderà di sostenermi sui temi sopra citati non sarò di certo io a dire di no. Ai nostri incontri si è parlato solamente di Santa Marinella e non di poltrone o incarichi. Se per assurdo Fratturato avesse accettato le offerte di Fronti sarebbero stati più presentabili? D’altronde anche alcuni candidati consiglieri della lista Pensiero Popolare hanno deciso di sostenerci al ballottaggio ed anche in questo caso non si è parlato, nel modo più assoluto, di incarichi o poltrone, ma solamente di progetti per Santa Marinella». «Ribadisco con forza e decisione – conclude Bacheca – che non ho e ne abbiamo fatto alcun accordo». Sulla vicenda, comunque, ieri pomeriggio la Coalizione ha tenuto una infuocata conferenza stampa. «L’accordo tra i due c’era da tempo – tuona Fronti – per cui sia Bacheca che Fratturato hanno deciso di prendere in giro noi e i loro elettori, soprattutto quelli del centrodestra che non volevano questo accordo». Perché non c’è stato invece con voi? «Perché ci stavamo dirigendo verso quello che io chiamo il mercato delle vacche – risponde il candidato della Coalizione – arrivati ad un certo punto Fratturato mi ha fatto la lista della spesa (un documento che Fronti ha consegnato ai giornalisti firmato da lui e da Bianchi) che prevedeva l’apparentamento e la perdita, in caso di vittoria, di un nostro consigliere per far posto ad uno suo. Lui pretendeva il vice sindaco, e l’assessorato ai lavori pubblici o all’urbanistica. Inoltre ben dieci deleghe per accontentare i suoi, un contratto di consulenza con un ufficio legale convenzionato, alcune garanzie per i dipendenti comunali suoi amici. La mia risposta è stata chiara e cioè quella di un accordo sui programmi senza inserimenti di poltrone. Come sia andata a finire lo sapete».

ULTIME NEWS