Pubblicato il

Rapporto Unicef, 150 milioni di bambini sfruttati nel lavoro minorile

Rapporto Unicef, 150 milioni di bambini sfruttati nel lavoro minorileSecondo le stime più recenti dell’UNICEF, in tutto il mondo 150 milioni di bambini tra i 5 e i 14 anni sono coinvolti nel lavoro minorile. Dei 115 milioni di bambini di età compresa tra i 5 e i 17 anni impiegati nelle forme peggiori di lavoro minorile, come quelle che prevedono carichi pesanti, contatto con sostanze chimiche e un orario di lavoro prolungato, il 60% risulta impiegato nell’agricoltura; il 7% nell’industria e il 26% nei servizi. Nell’Africa subsahariana più di un terzo dei bambini lavora. “Il lavoro minorile è sia causache conseguenza della povertà e del disagio sociale” – ha dichiarato Giacomo Guerrera, Presidente dell’UNICEF Italia, in occasione della Giornata contro il lavoro minorile (12 giugno). “Nei paesi in via di sviluppo, molti bambini sono costretti a lavorare perché sono orfani o separati dalle famiglie,o perché devono sostenere il reddito familiare. La crisi finanziaria globale ha ulteriormente spinto i minori ad avviarsi precocemente al lavoro, specie verso le forme di lavoro più pericolose.E per le bambine la situazione è ancora più pesante, perché oltre a lavorare, esse devono occuparsi dei lavori domestici e della cura dei fratellini più piccoli, rinunciando alla scuola. Se è vero che la povertà è il seme del problema, bisogna intervenire per spezzare il circolo vizioso povertà-lavoro minorile-ignoranza-povertà.”- ha concluso Guerrera. Nella lotta al lavoro minorile, l’UNICEF concentra il suo impegno sull’istruzione, l’arma migliore per allontanare lo spettro di un’ignoranza che è in primo luogo non conoscenza dei propri diritti e delle proprie potenzialità, e sulla diffusione della cultura della Responsabilità Sociale d’Impresa. Per l’UNICEF, la Responsabilità Sociale d’Impresa consiste nel tutelare i diritti dei bambini stringendo collaborazioni efficaci tanto con i Governi quanto con le imprese al fine di promuovere da un lato la responsabilità degli Stati nel garantire, dall’altro quella delle aziende nel rispettare e sostenere i diritti dei bambini nei luoghi di lavoro, nel mercato e nella comunità. Al fine di supportare imprese e governi nella tutela dei diritti dei bambini, l’UNICEF sta sviluppando delle linee guida in materia.

ULTIME NEWS