Pubblicato il

"Valore artigiano", al via il progetto

"Valore artigiano", al via il progetto

Siglato un protocollo d'intesa tra Comune, Asl Roma F, Inps, Inail e Cna

CIVITAVECCHIA – La nascita di una rete di sostegno per le imprese artigiane di Civitavecchia. Questo l’obiettivo del protocollo d’intesa firmato questa mattina dal sindaco Pietro Tidei, dal direttore regionale Lazio dell’Inail, l’architetto Antonio Napolitano, il direttore di filiale Inps, la dottoressa Maria Pistola, il direttore del Dipartimento di prevenzione della Asl Roma F, la dottoressa Paolo Bueti e il vice presidente della Cna Viterbo Civitavecchia, Alessio Gismondi. “Gli obiettivi di questo protocollo – ha spiegato il sindaco Tidei – sono: realizzare un’analisi socio-economica della realtà territoriale, con la messa a punto di metodologie condivise per la creazione di un Osservatorio sul fenomeno occupazionale e sulla domanda locale di beni servizi, la realizzazione di iniziative di comunicazione e sensibilizzazione delle imprese e di tutti i soggetti pubblici e privati del territorio, la formazione e consulenza alle piccole e medie imprese in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, l’informazione e la consulenza alle piccole e medie imprese per la semplificazione burocratica nella gestione dei rapporti con le pubbliche amministrazioni partner del progetto, la lotta all’evasione contributiva per il contrasto del lavoro nero e della concorrenza sleale tra le imprese, la realizzazione di iniziative di formazione e consulenza per lo star-up di nuove imprese artigiane e lo’avvio di “botteghe scuola” per il sostegno e la formazione di giovani “imprenditori di se stessi” da orientare nella scelta occupazionale e imprenditoriale”. Per ogni obiettivo sarà realizzato un apposito piano di interventi. Dal canto suo l’amministrazione comunale si impegna a mettere a disposizione i locali e le risorse umane e strumentali necessarie per lo svolgimento di riunioni, corsi formativi, convegni, parterciperà alla copertura dei costi degli interventi, fino a un massimo di 5mila euro, compatibilmente con le disponibilità di bilancio, per ognuno dei tre anni del progetto. L’Inail invece metterà a disposizione le proprie banche dati e il personale tecnico, ispettivo e amministrativo specificatamente professionalizzato sulle diverse iniziative da intraprendere, partecipare alla copertura dei costi degli interventi fino a un massimo di 30mila euro per ognuno dei tre anni del progetto. Sarà compito dell’Inps mettere a disposizione il proprio personale specializzato per attività di sensibilizzazione, progettazione, formazione, consulenza e orientamento all’impresa, impegnandolo sul “Progetto Bussola”. Infine, la Cna metterà a disposizione la promozione di indagini conoscitive sui fabbisogni formativi in materia di sicurezza sul lavoro e su quanto concoerne l’esigenza di semplificazione burocratica.

ULTIME NEWS