Pubblicato il

De Paolis (Sel): «Bene i tagli sui costi della politica»

CIVITAVECCHIA – Approvata all’unanimità la legge n.9 sui costi della politica. E per il consigliere regionale di Sel Gino De Paolis si tratta di un atto che riporta finalmente «l’istituzione Regione Lazio sulla strada giusta, riducendo – spiega – del 50% gli stipendi dei consiglieri e degli assessori, cancellato il vitalizio e posto limiti inderogabili agli stipendi di dirigenti e amministratori delle società partecipate. Nessuno potrà guadagnare – prosegue il consigliere regionale di Civitavecchia – uno stipendio maggiore di quello del Presidente. In questo modo abbiamo risposto anche alle disposizioni della legge nazionale, ma soprattutto – aggiunge De Paolis – abbiamo dato un segnale forte contro il vecchio sistema che ha premesso sprechi, privilegi e il verificarsi di fatti spregevoli come quelli che hanno caratterizzato in passato questa amministrazione». E per il consigliere comunale «si apre una nuova fase, con l’introduzione del divieto di cumulo di indennità o emolumenti, comprese le indennità di funzione e di presenzia in commissioni o organi collegiali derivanti dalle cariche di presidente della Regione, di Presidente del Consiglio regionale, di Assessore o di consigliere regionale». Previsti anche «riduzioni di spesa per studi e incarichi di consulenza, relazioni pubbliche e convegni, mostre, pubblicità, spese per formazione, per assunzioni a tempo determinato, per l’acquisto di mobili e arredi, per spese di acquisto, manutenzione, noleggio di autovetture». Insomma «un cambio di passo» importante « e a poco tempo dell’insediamento».

ULTIME NEWS