Pubblicato il

«Il Traiano crea un disavanzo di 800mila euro»

«Il Traiano crea un disavanzo di 800mila euro»

Lo evidenzia il consigliere comunale di minoranza Enrico Zappacosta. «Sicuramente la sintonia con la Fondazione Cariciv potrebbe alleggerire le casse comunali dando la possibilità all’amministrazione di utilizzare i soldi che si risparmierebbero»

CIVITAVECCHIA – Un Consiglio comunale aperto sulla gestione del teatro Traiano. Questa è una delle idee del consigliere d’opposizione Enrico Zappacosta che torna a puntare i riflettori sui costi di gestione del teatro comunale. «Il Traiano costa al Comune 1,2milioni di euro. La stessa struttura – aggiunge – incassa 400mila euro creando un disavanzo di 800mila euro che il Comune sostiene anche con le tasse dei civitavecchiesi». Motivo per cui, sicuramente, la sinergia con la Fondazione Cariciv «potrebbe alleggerire le casse comunali così da dare la possibilità all’amministrazione di utilizzare i soldi risparmiati a sostegno degli stessi civitavecchiesi». E il consigliere d’opposizione ricorda come proprio la Fondazione, presieduta da Vincenzo Cacciaglia, «negli anni si sia distinta  per aver sostenuto grandi iniziative a favore della cultura, della ricerca (come la ricerca alle saline) e dell’università» e auspica che «la maggioranza comprenda» fino in fondo «che in un momento come questo, occorre usare i soldi per altro». Basta, insomma, «con la solita idea del tutto pubblico». E Zappacosta si dice disposto a concedere il suo voto favorevole a una possibile gestione del Traiano da parte della Fondazione, o anche di una semplice sinergia. Se così non fosse «chiederò un Consiglio comunale aperto e metterò in atto altre azioni» che sposino proprio questa ‘‘tesi’’ con il solo obiettivo «di portare al Sindaco ,che in consiglio, anziché trincerarsi dietro le ideologie di sinistra ha compreso fino in fondo che questa potrebbe essere la strada giusta da intraprendere, tutto il mio sostegno in tal senso».

ULTIME NEWS