Pubblicato il

Treni affollati all’inverosimile

CIVITAVECCHIA – «Un rientro a casa di ordinaria follia». Così è stato definito dai pendolari della Fl5 il rientro a casa. Già a Ostiense, dove il treno che avrebbe dovuto riportare i viaggiatori a Civitavecchia, il treno era affollato all’inverosimile. Fuori da ogni immaginazione (se non fosse per il video postato su Facebook da uno ‘‘sventurato’’ e che ritrae alla perfezione la situazione ndc). Tra gli habituè della tratta a rendere la situazione esplosiva anche la presenza di tantissimi turisti che carichi dei loro bagagli hanno reso un incubo il viaggio. Tutta colpa del ritardo di 15 minuti («Se fosse arrivato puntuale – spiegano su Facebook – avremmo evitato l’ondata che si aggiungeva ai pendolari in attesa da un’ora». E tra chi storce la bocca c’è anche chi alla fine, per l’ennesima volta in pochi giorni, è tornato ad esplodere. «Non se può più». Ma questa volta nel mirino ci sono i croceristi. «Hanno un treno loro dedicato». Peccato però che «il biglietto è troppo costoso e questi furbi invadono i nostri treni, spesso anche senza pagare». Un problema, quello del sovraffollamento che, con il sopraggiungere dell’estate e del caldo asfissiante che spesso la caratterizza, rende il viaggio un vero e proprio incubo (si ricorderanno i vari episodi di malesseri sui convogli della Fl5 che hanno richiesto l’intervento dell’ambulanza ndc) e a cui va trovata una soluzione. E i pendolari concludono: «Una sola parola: basta!».

ULTIME NEWS