Pubblicato il

Gli sparatori di Tarquinia in trasferta ad Ischia di Castro

TARQUINIA – Le armi in sicurezza del gruppo sparatori di Tarquinia, fortemente volute dall’ex dirigente del commissariato di polizia Riccardo Bartoli, ambite da tutti i comuni del comprensorio. Una delegazione del gruppo sparatori Fratelli del Cristo Risorto sarà infatti, domani, in trasferta ad Ischia di Castro per partecipare, a suon di spari, ai festeggiamenti in onore di Sant’Ubaldo. Ischia di Castro ha infatti chiesto al gruppo sparatori di Tarquinia, guidati dal presidente Antonio Mancini, la partecipazione alla consueta processione che si snoderà domani dalle 18,30 per le vie del paese. “La peculiarità delle nostre armi – spiega il presidente Mancini – è proprio quella di poter essere utilizzate  in totale sicurezza, senza incorrere in possibili errori. Le doppiette sono infatti dotate di particolari congegni che le rendono innocue per le persone, garantendo tuttavia l’effetto scenico dello sparo”. I fucili sicuri del gruppo sparatori Fratelli del Cristo Risorto di Tarquinia è stata una novità introdotta nel 2010 dal dottor Bartoli che fece disattivare tutte le armi utilizzate in processione, con regolare certificazione di un tecnico abilitato, rendendole così utilizzabili solo per lo sparo di cartucce inerti contenenti coriandoli, così da poter far convergere gli interessi scenici a quelli superiori di sicurezza pubblica. 

ULTIME NEWS