Pubblicato il

Tidei: "Tecnopul come Hcs"

CIVITAVECCHIA – Ha le idee ben chiare il sindaco Pietro Tidei sul “caso” Tecnopul e sulla gara d’appalto per l’affidamento delle pulizia comunali tanto costata dalle organizzazioni sindacali. “La gara d’appalto – spiega il primo cittadino – è stata vinta da una ditta, con una percentuale al ribasso (circa 600mila euro risparmiati)”. Sulla riduzione delle ore di lavoro per i dipendenti poi il primo cittadino ha sottolineato come “con questa operazione riusciremo a tutelare tutti gli 89 posti di lavoro”. Troppi per un servizio “che ne richiederebbe meno, ma anche qui ci troviamo davanti a un caso di assunzioni spropositate (come ad Hcs) tanto che molti dipendenti sono stati dirottati all’interno degli uffici comunali”. Se poi dovesse aumentare la necessità di implementare il lavoro, “l’amministrazione – ha rassicurato Tidei – ha a disposizione 315mila euro (risparmiati dal ribasso d’asta) da usare per questo”. Per quanto riguarda gli stipendi invece l’assessore al Lavoro Sergio Serpente rassicura: “Venerdì scorso ci siamo subito attivati per stilare un piano di rientro e già ieri abbiamo completato questo percorso, trovando la disponibilità della Tecnopul ad accettarlo”. Nessun problema in vista dunque. “Alla ditta – aggiunge Tidei – abbiamo già pagato 181mila euro il 12 giugno, 181mila euro il 24 giugno e la prossima rata sarà versata il 15 luglio”. Questo dovrebbe bastare per far sì che la ditta paghi gli stipendi. “Non condividiamo – sottolinea il primo cittadino – la protesta messa in atto dalle organizzazioni sindacali, proprio come non condividiamo il datore di lavoro che ha i soldi dentro al cassetto ma non paga gli stipendi”.

ULTIME NEWS