Pubblicato il

Primo consiglio a Fiumicino, Montino: “Sarò il sindaco di tutti”

FIUMICINO – “Sarò il sindaco di tutti e di tutte le 14 località”. Lo ha detto nel pomeriggio il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino, presentando il programma di governo, innanzi ad un’aula consiliare gremita, nel corso del primo consiglio comunale. “E’ con grande emozione che mi trovo qui oggi – ha aggiunto – nel Comune in cui sono nato e in cui ho cominciato la mia attività politica. Ora serve un confronto serio con l’opposizione, mettendo da parte le asprezze della campagna elettorale. Voglio rispettare il programma dei 100 giorni, in primis affrontando l’emergenza occupazione e varando un’ordinanza antidegrado”. Montino ha poi ribadito il “no a discariche, biogas e raddoppio dell’aeroporto, che è una ricchezza ma anche fonte di disagi e inquinamenti: proporrò clausole sociali contro la precarietà del lavoro aeroportuale”. Il neosindaco ha detto che punterà su cultura, politiche e spazi per i giovani, facendo tornare Fregene “ad essere un punto di riferimento della cultura italiana”. Parlando delle grandi opere ha sottolineato quindi l’importanza del “ripristino della linea ferroviaria per Fiumicino città con il terminal e nodo di interscambio a via Coccia di Morto: accanto un sottopasso viario in sostituzione del Ponte 2 Giugno. Vanno poi superate al più presto le vicende relative al porto turistico attraverso lo stretto rapporto con la società pubblica Italianavigando, sentita l’autorità giudiziaria di Civitavecchia. La bonifica dell’area e il ridimensionamento del progetto iniziale sono la via migliore per rilanciare l’iniziativa”. Altra opera fondamentale sarà il nuovo porto commerciale con la darsena pescherecci e le navi da crociera “e partrirà il progetto ‘Fiumicino primo comune ciclabile del Lazio’ con una grande pista ciclabile che unisca tutto il litorale, da Passoscuro a Fiumara Grande”. Il leader dell’opposizione Mauro Gonnelli, nel suo intervento, ha criticato i contenuti del programma di Montino parlando di “esagerazioni populistiche” e invitandolo nuovamente a rinunciare a suoi “privilegi da casta”.

ULTIME NEWS