Pubblicato il

Al Lido spiaggia per cani nell’incuria

Al Lido spiaggia per cani nell’incuria

TARQUINIA. Alessio Gambetti, Pdl, dopo le ripetute lamentele dei cittadini sollecita il sindaco Mazzola ad intervenire «L’area venga affidata con bando pubblico ad un’associazione o cooperativa di giovani»

TARQUINIA – La spiaggia per cani a Tarquinia Lido è ancora abbandonata, nonostante un cittadino, tale Massimo Cancellieri, già un mese fa ne aveva denunciato lo stato di incuria ed abbandono invitando l’amministrazione Mazzola ad intervenire per sanare tale situazione. Nulla però è cambiato dopo un mese, nonostante la denuncia con annessa proposta all’amministrazione Mazzola su come una vera spiaggia per cani dovrebbe essere attrezzata e tenuta. Cancellieri, infatti, faceva richiesta di rimettere un nuovo cartello, oggi ancora tutto rotto; di posizionare una passerella all’ingresso per l’accesso alla spiaggia e al mare, sia un’apposita fontanella di acqua per abbeverare i cani. Ma niente di tutto ciò è stato ancora fatto. Anche la responsabile del Sib, Marzia Marzoli, giustamente si è battuta perché venisse creata una spiaggia per cani.  Ed ora cavalca la polemica anche l’esponente del Popolo della libertà Alessio Gambetti». «L’amministrazione Mazzola detta regole ferree a chi frequenta tale spazio – esordisce Gambetti – si chiede alla stessa, perché a distanza di un mese ed ormai a luglio le condizioni della spiaggia sono ancora di evidente abbandono. Il 18 maggio, peraltro, quando veniva pubblicizzata la spiaggia sui giornali, le condizioni di tale spiaggia erano già queste. Tanti i frequentatori della spiaggia che lamentano tale situazione, mentre la cosa più assurda è che basterebbe veramente poco, ci domandiamo a questo punto come si sta operando sulle cose più complesse». «Richiamando nuovamente l’amministrazione Mazzola ad intervenire, questa volta veramente in modo rapido per il  ripristino di tale situazione – conclude Gambetti – proponiamo che tale spiaggia venga affidata con bando pubblico ad un’associazione o cooperativa di giovani. Ciò avrebbe il positivo duplice effetto di creare, se pur piccole, delle opportunità per un lavoro stagionale a dei giovani, dall’altra si garantirebbe il costante decoro dello spazio con l’erogazione dei servizi come ci sono nelle vere ed attrezzate spiagge per cani». (Ale.Ro.)

ULTIME NEWS