Pubblicato il

Alla Marina parcheggi a pagamento con disco orario

Alla Marina parcheggi a pagamento con disco orario

MONTALTO. Monta la protesta dei villeggianti che dopo le strisce bianche hanno trovato la sosta blu di massimo due ore «Assurdo andare in spiaggia con l’orologio. Si introduca il ticket giornaliero»

MONTALTO – Spuntano i parcheggi blu ad ore a Montalto Marina: monta la protesta. A segnalare il cambio di rotta dell’amministrazione Caci è un montaltese, Andrea P. che da sempre si reca nella località balneare per trascorrere le vacanze o semplici giornate di mare con la famiglia. «Due domeniche fa – segnala il viterbese – ho notato che tutti i parcheggi del lungomare, comprese le piazzette adiacenti, erano diventati gratuiti con le inequivocabili linee bianche, anziché a pagamento con strisce blu come era fino allo scorso anno. Domenica passata però la sorpresa: i parcheggi gratuiti sono stati trasformati in parcheggi con sosta di massimo 2 ore. Ora mi chiedo: ma in una località balneare come è possibile realizzare parcheggi di due ore? Uno che fa? Mentre stai in spiaggia controlli sempre l’orologio perché puoi usufruire del privilegio della balneazione solo a intervalli di due ore? E gli anziani? Con tutto il rispetto, ma alcuni non avranno finito di piantare l’ombrellone che dovranno tornare alla macchina per spostare il disco orario. Per non parlare di chi è da solo con bambini piccoli che si dovrà caricare sulle spalle tutta la famiglia ogni due ore per fare la stessa cosa. E magari la sera, quando la gente deciderà di fare un salto al mare per fare una passeggiata, troveremo il marciapiede pieno di persone che vanno di corsa, visto che la loro tranquilla passeggiata estiva a Montalto non può durare più di due ore e quindi si dovranno sbrigare tutti». «E quei pochi che invece hanno affittato una casa – prosegue il viterbese –  visto che sono diventati merce rara, mi chiedo se faranno avanti e indietro per cambiare il disco orario o se parcheggeranno lontano chissà dove. Ora, sarà vero che i parcheggi a pagamento sono una seccatura, però magari, per invogliare il turista a frequentare il posto più che fare dei ridicoli parcheggi di due ore avrebbero potuto abbassare un po’ il prezzo del parcheggio giornaliero che genera anche introiti per il Comune». «Così – conclude il viterbese – di certo non si invoglia la gente a frequentare il turismo locale ma anzi la si invoglia a cercare altrove. Sono profondamente rammaricato per come si sta trattando il nostro mare locale che tra l’ altro ha ricevuto 4 vele. Mi auguro che il Comune di Montalto di Castro possa intervenire  a cambiare le cose così da rendere il mare più invogliante di quanto non lo sia ora».(a.r.)

ULTIME NEWS