Pubblicato il

Noleggio con cattiveria, l'avvocato: "C'erano già due denunce"

CIVITAVECCHIA – «C’erano già due denunce del mio assistito nei confronti dei soggetti che poi, a loro volta, hanno sporto denuncia nei riguardi di M.P.». A dirlo è l’avvocato Daniele Barbieri, legale del trenotottenne civitavecchiese che la scorsa settimana è stato raggiunto da una nuova misura restrittiva dopo che era già stato coinvolto nell’inchiesta denominata ‘‘Noleggio con cattiveria’’.
All’uomo, come noto, il giudice Marco Mazzeo ha disposto il divieto di dimora a Civitavecchia. Decisione presa dopo che gli agenti della Polmare lo avevano sorpreso nuovamente a minacciare colleghi del settore ncc. «In realtà – riprende l’avvocato Barbieri – la denuncia è dell11 giugno, ma, come detto, il mio stesso cliente ne aveva precedentemente presentate due nei riguardi di quei soggetti che poi hanno presentato a loro volta una denuncia contro il mio assistito».  Ma l’avvocato Barbieri aggiunge anche che «non corrisponde a verità che è stata la stessa polizia ad accompagnarlo fuori dal territorio civitavecchiese. In realtà M.P. è stato accompagnato a casa e da lì se ne è andato fuori città, in vacanza con tutta la sua famiglia, fuori da Civitavecchia». Lo stesso avvocato Barbieri però conferma la decisione del giudice, «anche se – conclude – ho già presentato un’istanza di revoca della misura cautelare decisa dal dottor Mazzeo».

ULTIME NEWS