Pubblicato il

Disabile rimasto a piedi, il liquidatore di Argo: «Miglioreremo le cose»

«Ci dispiace per quanto accaduto e ci scusiamo con il giovane diversamente abile rimasto a piedi». È la dichiarazione del liquidatore di Argo, Carlo Romano, dopo il caso del ragazzo in difficoltà all’atto di salire su un pullman di Argo, che si è concluso con una chiamata al 112. Due mezzi si trovavano infatti in officina, altri non disponibili. E il problema, da quanto si è appreso, potrebbe andare oltre la predisposizione dei pullman alle pedane per la salita dei diversamente abili. Ci sono alcuni tipi di carrozzelle, infatti, dotate di motore, che superano abbondantemente il peso massima che una pedana è in grado di sostenere. Potrebbe essere questo il motivo dei frequenti guasti tecnici. Ma la cosa non può rappresentare una giustificazione. Fuori discussione l’impegno di Romano nel tentativo di far funzionare la società comunale dei trasporti, ma i diversamente abili hanno tutto il diritto di usufruire dei mezzi pubblici.

ULTIME NEWS