Pubblicato il

Restlyng della stazione, Tidei scrive ad Rfi

CIVITAVECCHIA – Cambia il capo di Rfi Roma e il progetto di riqualificazione della stazione ferroviaria di Civitavecchia si perde tra le scartoffie di Rfi. Ed è proprio per questo motivo che nei prossimi giorni il sindaco Pietro Tidei invierà una lettera ai vertici romani di Rfi per sollecitare quanto prima delle risposte. «Rispetto al programma che ci eravamo dati – ha detto il delegato ai pendolari Amedeo Caravani – siamo in ritardo». Dopo, infatti, il sopralluogo effettuato quasi un anno fa da Rfi alla stazione locale, il progetto non ha trovato attuazione. La pensilina è ancora in attesa del suo prolungamento, per permettere non solo ai pendolari che ogni giorno usano i mezzi ferrati per recarsi a Roma, ma anche ai tanti crocieristi e turisti che approdano in città, di attendere il treno al riparo dal sole e dalle intemperie. E proprio come il prolungamento della pensilina, non c’è traccia nemmeno della scala mobile, o di un ascensore che faciliti l’accesso ai binari. «Andrebbe costruita una scala mobile – ha spiegato Caravani – ma per farlo, probabilmente dovrebbe sparire un binario». Stessa sorte è toccata al sottopasso della stazione. «Non si sa ancora se è di competenza del Comune o di Rfi avviare i lavori. Speriamo – ha detto Caravani – che con la lettera che a breve il Sindaco invierà ad Rfi qualcosa si sblocchi e qualcuno ci dia delle risposte». Per quanto riguarda invece i mezzi ferrati, si attende l’incontro che dovrebbe avvenire a novembre con la direzione regionale per conoscere il piano di interventi.

ULTIME NEWS