Pubblicato il

Polpette avvelenate: altre due vittime

ALLUMIERE. Prosegue la strage di cani in collina. Indagini sul veleno killer Il veterinario Mellini: «Cauti con gli allarmismi, potrebbe anche essere un semplice anti lumaca» 

ALLUMIERE. Prosegue la strage di cani in collina. Indagini sul veleno killer Il veterinario Mellini: «Cauti con gli allarmismi, potrebbe anche essere un semplice anti lumaca» 

di ROMINA MOSCONI

ALLUMIERE – Altri due casi di cani avvelenati in collina. Nelle prime ore del mattino sulla strada Braccianese Claudia, nei pressi dell’edicola di Sant’Antonio, un residente di Tolfa ha visto un cane moribondo, prontamente si è fermato e lo ha trasportato da un veterinario di Civitavecchia. Visto che l’animale era provvisto di microchip è stato subito chiamato il padrone che è accorso disperato. Il pastore maremmano di sua proprietà dopo tante cure e flebo è ancora in prognosi riservata e il veterinario ha rilevato tracce di veleno per cui il cane ha ingoiato cibo avvelenato. Poche ore dopo , sempre ad Allumiere, un cane di media taglia e a quanto sembra randagio, visto che è sprovvisto sia di microchip che di collare è stato trovato anche lui in agonia da una signora che stava camminando nel tratto Tolfa-Allumiere ha subito chiamato il marito e hanno provato a portarlo da un veterinario ma per lui non c’è stato nulla da fare, è infatti spirato nonostante le cure. Ora il timore che possa essere stato sparpagliato cibo avvelenato in varie parti in collina si fa sempre più strada. Intanto però dalla collina il medico veterinario di Tolfa, Mellini, fa da pompiere e e spegne almeno in parte le fobie e gli allarmismi: «Nei prossimi giorni quando si saprà che tipi di veleni hanno ingerito questi cani si potrà dire se sono casi dolosi o fortuiti. Se il veleno è la stricnina allora è sicuramente doloso; mentre se hanno ingerito anti-lumaca può essere un semplice caso. Vicino ai cassonetti basta che qualcuno abbia abbandonato ciò che è avanzato dal trattamento anti lumaca e questo si mescoli con i resti di cibo e qualche cane lo abbia ingerito ecco che c’è avvelenamento fortuito; stessa cosa accade se nei giardini è stato dato l’anti lumaca e sia finito su qualche cibo e il cane lo ingoia resta anche lui avvelenato. L’avvelenamento con il veleno per topi è un po’ diverso: il cane si sente male dopo 3-4 giorni dall’ingerimento e nella maggior parte dei casi si riesce a curarlo. L’importante è rivolgersi sempre a un veterinario che prontamente riconosce i sintomi e effettua la cura. E’ importante non creare allarmismo ma come sempre è bene fare attenzione».

ULTIME NEWS