Pubblicato il

Aperte le iscrizioni per la scuola di musica ''Verdi'' di Tolfa

Tanti i corsi attivati e curati da docenti esperti

Tanti i corsi attivati e curati da docenti esperti

di ROMINA MOSCONI

TOLFA – La campanella è suonata per le scuole italiane e la stessa cosa è successa nella scuola di musica ‘‘Giuseppe Verdi’’ di Tolfa che da lunedì ha riaperto le attività.

I vertici dell’associazione annunciano che sono aperte le iscrizioni per tutte le varie classi di musica e di strumenti. Lunedì patron Antonio Pacchiarotti, il direttore artistico Giancarlo Annibali e i vari insegnanti hanno incontrato genitori e allievi per dare il via alle lezioni.

«Lo scorso anno abbiamo avuto oltre 100 iscrizioni e ci auguriamo – spiega il presidente Antonio Pacchiarotti – di ripetere il grande successo ottenuto magari aumentando ancora il numero di iscritti e apportare nuovi miglioramenti per allargare gli orizzonti».

La scuola di musica tolfetana, da anni fucina di musicisti, offre numerosi corsi: dal solfeggio al canto, laboratori musicali, numerose classi di strumenti quali: percussioni (prof. Mennella); violino (prof. Bocci); pianoforte e sax (prof. Stefania Bentivoglio); clarinetti (prof. Luchetti); chitarra, composizione e solfeggio avanzato (prof. Giannoni); canto leggero (prof. Max Petronilli); ottoni (prof Annibali); flauto (prof. Sestili); propedeutica musicale (prof. Sestili-Bentivoglio). “Ogni anno inseriamo delle novità – spiega il direttore artistico, Annibali – quest’anno abbiamo creato la sala registrazione e questa insieme all’ampia sala prove dà la possibilità ai ragazzi di provare e registrare i loro lavori. Fra l’altro se la Fondazione Cariciv come ogni anno finanzierà il nostro progetto faremo partire il corso musicale nelle scuole dell’Infanzia e della Primaria di Tolfa e Santa Severa nord”. Come ogni anno la scuola musicale collinare offre la certezza di dare ai propri allievi il massimo della cultura musicale in un ambiente sereno e famigliare dove si respira e si fa musica di altissimo livello.

Da rilevare che all’interno dell’associaione ci sono vari laboratori, fra cui quello curato dal prof. Giannoni, ossia il gruppo pop-rock; quello di musica di insieme curato dal prof. Annibali; quello jazzistico del prof. Luchetti e, infine, quello orchestrale collaborando con l’orchestra giovanile ‘‘M. Freccia di Ladispoli’’. Da non dimenticare che uno dei fiori all’occhiello della Verdi è di certo il complesso strumentale diretto dal maestro Paolo Filabozzi che negli anni si è sempre distinto vincendo numerosi premi.

«L’intento è – spiega il presidente Antonio Pacchiarotti – di far studiare la musica in ogni sua sfaccettatura sviscerandola in tutte le sue parti. Se dovessero presentarsi nuove richieste noi saremmo ben felici di vedere cosa fare per poterle soddisfare. Notevole l’impegno che la scuola ha sempre dimostrato e notevoli sono state le soddisfazioni che ha potuto raccogliere in questi anni e sicuramente anche questa volta saprà stupirci al meglio».

ULTIME NEWS