Pubblicato il

Agraria, varata la nuova giunta: 4 assessori e Leoncelli vicepresidente

Agraria, varata la nuova giunta: 4 assessori e Leoncelli vicepresidente

TARQUINIA – Riduzione della giunta a quattro assessori più il vicepresidente Maurizio Leoncelli. Queste le novità della nuova giunta varata dall’amministrazione targata Alessandro Antonelli dell’Università Agraria di Tarquinia. «Con i soldi risparmiati saranno acquistati macchinari sanitari in uso negli impianti sportivi», ha commentato il presidente dell’ente di via Garibaldi Alessandro Antonelli, durante il consiglio di mercoledì. Maurizio Leoncelli (Polo dei Moderati) è dunque  il nuovo vicepresidente con deleghe alle Concessioni, quote, lotti di terreno e orti; Attilio Maria Boni (Partito Democratico) assessore al Demanio, forestale, antincendio, ambiente; Renzo Bonelli (Partito Democratico) assessore all’Agricoltura, centro aziendale, progettualità; Antonio Peparello (Polo Civico Sinistra) assessore al Turismo, campeggi, prodotti locali, Servizi sociali; Alberto Blasi (Partito Democratico) assessore al Patrimonio, servizio tecnico, cultura. Le deleghe non assegnate rimangono invece in capo al presidente. «Un esecutivo figlio della sintesi politica tra le forze che sostengono la maggioranza. – ha scandito Antonelli – Condivido con loro le mie scelte e le responsabilità, i nomi presentati e valutati con attenzione. Persone capaci cui non è consentito sbagliare, perché manca solo un anno e otto mesi alla fine del mandato. A loro chiediamo risultati. Unico rammarico l’assenza di donne in giunta. Mi sono battuto e ho perorato questa causa, ma devo ammettere di non esserci riuscito. Spero che le forze politiche che mi sostengono facciano loro questa istanza di giustizia e cultura. Disponibile a modifiche solo in questa direzione. I dinieghi ricevuti ci dicono che non basta un obbligo di legge, fare politica per una donna è ancora più difficile che per un uomo». «Da ultimo – ha voluto sottolineare il presidente Antonelli – stigmatizzo quanto accaduto in questi giorni e il comportamento di chi, pur di avere una poltrona, ha inteso rilasciare dichiarazioni anonime o indiscrezioni solo per destabilizzare, generando selve di nomi spesso frutto di pura fantasia, dati in pasto ai giornali e alla gogna mediatica di portali e siti internet. – conclude il presidente Antonelli – Simili persone vanno tenute lontano dalla pubblica amministrazione. Tanta bramosia e slealtà è pericolosa».  Chiaro il riferimento alle voci che in queste settimane si sono rincorse su possibili allargamenti della maggioranza con nomi che hanno spaziato da Lorella Maneschi ad Antonella Rosati. Ipotesi tramontate che comunque hanno ravvivato il dibattito politico cittadino. (Ale.Ro.)
 

ULTIME NEWS