Pubblicato il

In 300 in Marcia per la Salute

In 300 in Marcia per la Salute

Alla manifestazione organizzata dal Forum hanno aderito anche Cgil e M5S. Tensione al Pincio prima dell’incontro dei manifestanti con Tidei

CIVITAVECCHIA – “Nessun dorma, Civitavecchia si mobilita contro l’inquinamento” questo uno degli striscioni esposti durante la seconda edizione della “Marcia della Salute” organizzata dal Forum ambientalista che si è svolta questa mattina. In circa trecento sono partiti dall’Autorità portuale ed hanno sfilato in Corso Centocelle per poi raggiungere il Pincio, nonostante il blocco delle forze dell’ordine su disposizine del Comune. Alla manifestazione hanno aderito Cgil, M5S, Associazione Anti-discarica di Allumiere, una rappresentanza dei Malati oncologici e  No Coke Alto Lazio. «A distanza di un anno non è stato fatto niente, anzi la situazione è peggiorata, per questo siamo qui!» sostiene Simona Ricotti una degli organizzatori. La protesta intende denunciare la spregiudicata localizzazione di impianti industriali sul territorio e la carenza di politiche attive tese a tutelare l’ambiente. In particolare l’approvazione di un’AIA capestro per la città grazie alla quale la centrale Enel di Tvn è autorizzata a bruciare 900.000 tonnellate di carbone in più all’anno per complessive 1500 ore di funzionamento in più». Fischi e cori sotto le finestre del Comune per invitare il Sindaco ad un confronto. Ad uscire per prima la delegata alla cultura Annalisa Tomassini, che ha potuto fare ben poco per calmare le acque. Poi è sceso anche il Sindaco che non ha convito i manifestanti che si sono visti rifiutare un incontro alla Pucci a causa di altri impegni.

ULTIME NEWS