Pubblicato il

Topi nel refettorio: giallo alla Galilei

CIVITAVECCHIA – Allarme questa mattina alla scuola materna Galilei.
Al suono della campanella di fine lezione, infatti, tra alcuni genitori sarebbe circolata la voce che domani non sarebbe partito il servizio di mensa scolastica a causa della presenza di escrementi di topi all’interno del refettorio scolastico.
Un annuncio che ha subito allarmato i presenti, preoccupati per l’incolumità e la salute dei propri figli.
Ma a rassicurare i genitori c’hanno pensato l’assessore all’Edilizia scolastica Alvaro Balloni e la delegata alla Pubblica istruzione Paola Rita Stella che, venuti a conoscenza delle problematiche presenti all’interno dell’istituto, hanno subito effettuato un sopralluogo dove non sarebbero stati rinvenuti escrementi di ratti.
Ma nonostante questo la situazione non è sembrata delle migliori.
Se infatti i topolini, bellissimi da guardare in un cartone animato, ma un po’ meno piacevoli da incontrare dal vivo, non c’entrassero nulla, a combinare il ‘‘pasticcio’’ c’hanno pensato altri insetti.
Tanto che la delegata alla Pubblica istruzione, pur rassicurando da una lato tutti i genitori e gli insegnanti che domani mattina il servizio mensa scolastica partirà regolarmente, dall’altro ha chiesto alla ditta appaltatrice di recarsi all’alba all’istituto Galilei per operare una bonifica del refettorio così da garantire un ambiente sano e pulito ai piccoli ospiti.
Allarme, dunque, rientrato anche se ci sarebbe da valutare attentamente una serie di elementi che metterebbero a rischio le condizioni igienico-sanitarie del plesso. Tutta colpa di quel campo incolto (di proprietà privata) a pochi passi dalla scuola materna e che più volte ha causato non pochi problemi ad educatori e bambini.
Di certo, infatti, la folta vegetazione presente nel campo, favorisce il proliferarsi di insetti e non solo (rettili e anche ratti) che liberamente gironzolano, non solo all’interno del campo divenuto ormai casa loro, ma anche nei dintorni, causando così non pochi grattacapi a chi, in quelle zone ci vive o comunque la frequenta per motivi di lavoro o di studio.
 

ULTIME NEWS