Pubblicato il

Banchina 23, c’è l’autorizzazione

Banchina 23, c’è l’autorizzazione

La Porvincia concede il via libera vincolandolo alla prescrizione. L’ok arriva all’indomani della conferenza dei servizi

CIVITAVECCHIA – La conferenza dei servizi che si è tenuta oggi alla Provincia ha approvato la concessione dell’autorizzazione alla Traiana per il carico, scarico e movimentazione del ferrocromo. Il via libera però, per ora è solo verbale, ma già domani potrebbe arrivare quello messo nero su bianco e che dovrebbe risolvere la vicenda che ha portato al sequestro da parte della Procura, dell’area dove appunto opera l’impresa. Concessione che però secondo quanto stabilito dalla conferenza dei servizi di palazzo Valentini, è legata ad alcune prescrizioni ben precise, come per esempio la realizzazione di una sorta di recinzione intorno alla zona dove viene scaricato il ferrocromo e la costante irrigazione dei cumuli. Il tutto per evitare la dispersione delle polveri che, secondo quanto scritto dal gip nell’ordinanza di sequestro, sono «altamente pericolose per la salute». Intanto il procuratore Gianfranco Amedola, titolare dell’indagine, ha concesso alla ditta di poter iniziare l’installazione dei pannelli di protezione, accogliendo la richiesta avanzata questa mattina dai legali della Traiana, gli avvocati Luigi Benni e Andrea Miroli. A controllare che questa installazione venga eseguita a regola d’arte, sarà la Guardia Forestale, su delega della stessa magistratura inquirente. Intanto sul versante relativo alle altre tre ditte indagate per lo scarico di altro materiale polveroso, come deciso ieri insieme al procuratore, il presidente dell’Authority Pasqualino Monti ha intimato per iscritto alle stesse società di non poter eseguire operazioni di carico e scarico fino a che non avranno anch’esse la stessa autorizzazione.

ULTIME NEWS