Pubblicato il

Urbanistica, emendamento di Fratelli d’Italia

SANTA MARINELLA. Il consigliere comunale di maggioranza Andrea passerini interviene dopo l’ok alla variante al prg «Preoccupati, la legge impone al Comune subito l’applicazione della maggiorazione della tassazione Imu»

SANTA MARINELLA. Il consigliere comunale di maggioranza Andrea passerini interviene dopo l’ok alla variante al prg «Preoccupati, la legge impone al Comune subito l’applicazione della maggiorazione della tassazione Imu»

S. MARINELLA – Nei giorni scorsi è stata votata in consiglio comunale la delibera che consente la variante al Prg tendente ad effettuare un vero e proprio piano di recupero di due zone compromesse come la Perazzeta e Guardiole. Sulla questione interviene il consigliere comunale di maggioranza Andrea Passerini, rappresentante della Lista Fratelli D’Italia. «In merito all’importante variante urbanistica è opportuno precisare la nostra posizione – dice Passerini – è stata grande l’attenzione riposta dal gruppo di Fratelli d’Italia su questo atto di indirizzo che si evidenzia come uno dei principali in ambito urbanistico degli ultimi anni, ritenendo comunque necessario intervenire per risolvere i problemi dei cittadini coinvolti e di una zona con evidenti carenze di servizi».  «A margine di questo provvedimento – prosegue il consigliere – abbiamo sottolineato la nostra preoccupazione per il fatto che, nell’incertezza sull’approvazione regionale della variante, la legge impone al Comune fin da subito l’applicazione della maggiorazione della tassazione relativa all’Imu. A tal fine, abbiamo contribuito ad approvare un emendamento che propone di accantonare parte dell’incremento in un fondo ed abbiamo avanzato la proposta di impiegare tali risorse per risarcire i proprietari degli immobili che mantengano la proprietà degli stessi sino alla data di approvazione della variante». «In attesa della stessa – conclude Passerini – siamo peraltro convinti, come da emendamento da noi proposto, che rimanga aperta la strada per superare un possibile immobilismo ed introdurre tutte quelle modifiche ed aggiustamenti che si rendessero necessari per l’attuazione di strumenti urbanistici rapidi nel loro iter di approvazione ed in grado di offrire risposte certe a tutti quei cittadini i quali, legittimamente, attendono da anni la definizione della ‘‘questione Perazzeta’’».
Gi.Ba.

ULTIME NEWS