Pubblicato il

Stanziati i fondi per gli interventi nei corsi d’acqua

Lo ha annunciato il primo cittadino di S. Marinella alla cerimonia di commemorazione del 2 ottobre 1981 Ricordate le vittime dell’alluvione. Il sindaco: «Dovremmo imparare dagli errori del passato»

Lo ha annunciato il primo cittadino di S. Marinella alla cerimonia di commemorazione del 2 ottobre 1981 Ricordate le vittime dell’alluvione. Il sindaco: «Dovremmo imparare dagli errori del passato»

SANTA MARINELLA – Sono passati 32 anni da quel fatidico 2 ottobre del 1981, quando una violenta alluvione costò la vita a sei persone, oltre ai danni causati alle abitazioni. Ieri mattina, nella piccola piazzetta dedicata a Elio Pallotti, Alberto Fantozzi, Anna Cosimi, Fiorella Cangini, Alfredo Battistelli e Mario Cleri, si è svolta la commemorazione ufficiale a cui hanno partecipato il Sindaco Roberto Bacheca e  alcuni esponenti dell’amministrazione comunale, il parroco Don Salvatore della Chiesa di San Giuseppe, padre Agostino della Chiesa del Carmelo, le forze di Polizia Locale e dei Carabinieri, la Protezione Civile e una delegazione delle scuole cittadine. Dopo la funzione religiosa, il primo cittadino ha depositato una corona d’allora al monumento eretto nel 2004. «Come tutti gli anni – ha dichiarato il Sindaco Bacheca – ricordiamo con commozione i nostri concittadini scomparsi in quel tragico 2 ottobre del 1981. In questi anni le amministrazioni che si sono succedute hanno cercato di intervenire nella pulizia e nella salvaguardia dei corsi d’acqua. Sono stati effettuati diversi lavori per la messa in sicurezza dei fossi, come quelli di via Lazio e via Rucellai. Dovremmo imparare dagli errori del passato affinchè certe drammatiche situazioni restino soltanto un ricordo». «Ricordo ogni anno quel giorno come se fosse ieri – ha testimoniato Carla Salerni – in cui ho perso mio padre nella drammatica giornata di trentadue anni fa. Sono felice della presenza dei ragazzi delle Scuole, i quali debbono comprendere l’importanza di questo giorno e l’amministrazione comunale che ogni anno rende vivo il nostro ricordo e le nostre preghiere». «Siamo tutti figli di una sola comunità – ha aggiunto il parroco Don Salvatore – e tutti insieme dovremmo cercare di migliorare il territorio in cui viviamo, rispettando la natura e l’ambiente, affinchè certe tragedie non si verifichino in futuro». “Con l’occasione – ha concluso il Sindaco – comunico che abbiamo già stanziato i fondi necessari per gli interventi di bonifica dei corsi d’acqua che attraversano la città. Interventi che intraprenderemo dopo l’approvazione del bilancio».

ULTIME NEWS