Pubblicato il

Acanthus rilancia: "Siamo pronti a partire", ma Tidei frena

CIVITAVECCHIA – “Arrivano incoraggianti segnali d’attenzione da parte dei politici sul progetto”. Ad esultare è Acanthus, la società dell’imprenditore romano Giuseppe Sarnella che già nei giorni scorsi si era detta pronta a partire con i lavori per la realizzazione del polo termale. “Acanthus – scrivono in una nota – prende atto, con viva soddisfazione, delle dichiarazioni del coordinatore del Pd, Longarini, per il quale le terme sono un’occasione di sviluppo per Civitavecchia. Finalmente, dopo tanto tempo trascorso in silenzio, arrivano incoraggianti segnali sull’attenzione degli amministratori e dei politici del progetto”. E da Acanthus sperano che la “richiesta di chiarimenti rivolta all’assessore ai Lavori Pubblici Mirko Mecozzi e all’architetto Ermanno Mencarelli, in ordine all’iter amministrativo del progetto, riceva sollecito e corretto riscontro”. Dalla società dell’imprenditore romano ricordano, inoltre, l’apertura dimostrata anche dall’avvocato del Comune Di Martino “anch’egli impegnato già con la precedente amministrazione nella medesima vicenda comunale” e si dicono disposti a “illustrare nel dettaglio l’importante progetto termale, di standing europeo, sicuro volano per lo sviluppo dell’intero nord del Lazio, dichiarandosi pronta a partire per la fine dell’anno con la concreta esecuzione dell’opera”. Peccato però, che il coordinatore del Pd Clemente Longarini avesse dichiarato, al termine del direttivo a cui avevano preso parte proprio l’architetto Mencarelli e l’assessore Mecozzi, di condividere la scelta dell’amministrazione comunale di revocare alcuni atti in quanto in essi erano presenti “alcune illegittimità”. Ma a porre un freno all’entusiasmo di Acanthus è ancora una volta lo stesso sindaco Pietro Tidei: “Come si fa a dire di essere pronti a partire con i lavori – si chiede Tidei – quando non sono in possesso nemmeno della subconcessione mineraria per l’utilizzo delle acque termali?”. Insomma, per Tidei la delibera con cui si affidavano i lavori per la realizzazione delle terme ad Acanthus va revocata. “Sicuramente realizzeremo le terme – ha detto Tidei – ma il procedimento va sicuramente riaperto e andrà eseguito in maniera trasparente”.

ULTIME NEWS