Pubblicato il

Provincia di Viterbo, parte il ripopolamento ittico dei fiumi

L’operazione varata da palazzo Gentili prende il via martedì

L’operazione varata da palazzo Gentili prende il via martedì

MONTALTO – Carpe, tinche e persici reali. La Provincia di Viterbo, a partire da martedì 15 ottobre, avvierà le semine ittiche nei laghi e nei corsi d’acqua nella Tuscia. Le quantità da seminare nei vari lotti sono state stabilite dalla Commissione consultiva sulla pesca, in accordo con i rappresentanti dei pescatori professionisti. Per ciò che riguarda la specie carpa, in base ad una disponibilità complessiva di 65mila esemplari, si procederà ad una distribuzione così suddivisa: 10mila esemplari rispettivamente nei fiumi Fiora, a Montalto (oltre che Tevere e Treja), altrettanti anche nel Mignone, e Tarquinia e 5mila nel fiume Marta, sempre a Tarquinia. Previsti anche 5mila esemplari nel lago di Bolsena, 13mila nel lago di Mezzano, 2mila nel fiume Paglia, Nel lago di Mezzano saranno inoltre seminate 20mila tinche, mentre 10 persici reali andranno a ripopolare il lago di Bolsena. «Dopo una prima semina effettuata ad agosto nei corsi d’acqua secondari della Tuscia per favorire la pesca sportiva – spiega l’assessore all’Agricoltura, Caccia e Pesca, Roberto Staccini – procediamo adesso come ogni anno al ripopolamento ittico necessario a garantire il proficuo svolgimento dell’attività professionistica. Grazie all’attuazione di questo programma stagionale, i laghi ed i fiumi della Tuscia potranno avere il pesce in quantità sufficiente ad assicurare lavoro ai pescatori. Il settore della pesca, infatti, rappresenta un’importante fonte di reddito per ampie zone del nostro territorio interessate dalla presenza di laghi, fiumi e torrenti». «Purtroppo – aggiunge ancora l’assessore – dalla Regione Lazio non abbiamo ancora ricevuto notizie per ciò che riguarda i relativi finanziamenti, fatto questo che mette a rischio la possibilità di programmare gli interventi per il prossimo anno. Auspichiamo che, quanto prima, arrivino rassicurazioni al riguardo in maniera tale da poter procedere nei tempi stabiliti all’avvio delle procedure necessarie alla predisposizione dei bandi di gara». (a.r.)

ULTIME NEWS