Pubblicato il

«Nelle nostre strutture non ci sono locali idonei»

SANTA MARINELLA. Il consigliere Dario Vergati replica ad Andrea Bianchi sui nuovi uffici «Stiamo comunque lavorando per dare a questa città un unico municipio»

SANTA MARINELLA. Il consigliere Dario Vergati replica ad Andrea Bianchi sui nuovi uffici «Stiamo comunque lavorando per dare a questa città un unico municipio»

SANTA MARINELLA – Erano inevitabili le reazioni della maggioranza dopo le esternazioni del consigliere di opposizione Andrea Bianchi che nei giorni scorsi aveva sollecitato l’amministrazione comunale ad evitare spese inutili per affittare locali dove collocare gli uffici comunali, e contemporaneamente consigliava al sindaco Bacheca a tirare fuori dal cassetto il progetto per la realizzazione della nuova sede comunale. A replicare al rappresentante del Pd è il consigliere Dario Vergati che sfida il suo collega a trovare altri edifici del Comune ammobiliati e liberi. «Abbiamo provato a verificare all’interno delle attuali strutture – dice Vergati – ma non abbiamo riscontrato locali idonei e disponibili. Il bando che abbiamo indetto ha il solo fine di sostituire quello che è un locale a fine contratto con uno nuovo, magari più idoneo alle attività svolte e di facile accesso per i cittadini senza aumentare i costi per l’ente, anzi vi sarà una riduzione sul costo totale dell’affitto». «Il consigliere Andrea Bianchi sa benissimo – aggiunge Vergati – che l’attuale patrimonio immobiliare del Comune non è in grado di ospitare altri uffici, anche e soprattutto nel rispetto dei lavoratori, per cui non credo sia il caso di ridurre ulteriormente gli spazi a disposizione». «Per quanto concerne invece la nuova sede comunale stiamo lavorando – conclude il consigliere di maggioranza – per poter finalmente dare a questa città un unico Municipio, innovativo e di facile accesso ai cittadini ed ai dipendenti comunali, in modo da accogliere tutti i servizi. Molto probabilmente tra qualche settimana saremo in grado di presentare un progetto utile e vantaggioso dal punto di vista logistico ed economico che però, come si potrà immaginare, non è una cosa realizzabile in tempi brevi». Per anni si è cercato di trovare una soluzione ad una situazione che vede Santa Marinella unico Comune italiano a non avere un municipio. Ci provò nel 2004 il sindaco Franco Bordicchia che indisse un bando internazionale a cui parteciparono 169 studi professionali. Una commissione stabilì che il progetto più idoneo era quello di uno studio italo-spagnolo. Approvato il progetto preliminare e quello esecutivo, era sufficiente dare il via a quello definitivo per veder partire l’opera che sarebbe costata 10,5 milioni di euro di cui 2,5 milioni erogati dalla Regione Lazio e gli altri attraverso un mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti. «Un progetto futuristico, unico nel suo genere, che avrebbe dato a Santa Marinella una funzionale sede comunale», dice l’ex sindaco Bordicchia. (Gi.Ba.)

ULTIME NEWS