Pubblicato il

Ugl: "Hcs venduta per 30 denari"

CIVITAVECCHIA – “L’Ugl rimarrà al fianco dei lavoratori, e da subito preannuncia un suo intervento presso il Commissario Prefettizio non appena si sarà insediato”. La segretaria Fabiana Attig si è detta preoccupata per il futuro di Hcs. “Ancora una volta a Civitavecchia si è  consumata l’ennesima vendetta tra faide per la lotta al potere. La politica – ha spiegato – ha ceduto il passo a logiche lontane anni luce dagli interessi dei cittadini e dei tanti lavoratori in attesa di una speranza. I più penalizzati da questa situazione sono lavoratori di Hcs che attendevano il Consiglio Comunale di oggi per stabilizzare quanto meno gli stipendi fino a dicembre. Purtroppo 400 famiglie non erano nel cuore e nell’anima dei pezzi importanti del centro sinistra in particolare di Sel e alcuni spezzoni importanti del Pd. Quelli  che oggi hanno inteso staccare la spina prima di risolvere dignitosamente questa grande vertenza avranno sulla loro coscienza le tantissime famiglie rovinate e affamate. Non vi è dubbio, che dinanzi alle loro insostenibili bugie, e alla loro inettitudine nell’affrontare la situazione Hcs,  hanno  preferito scegliere alla “Ponzio Pilato”. Lavarsene  le mani demandando ogni scelta al Commissario Prefettizio. Come organizzazione sindacale non possiamo che stigmatizzare questo comportamento  come vile e irresponsabile. Siamo convinti, che i lavoratori sapranno trarre le giuste considerazioni tra chi ha sempre operato per la ricerca di  una soluzione e chi invece attraverso tatticismi beceri  si è reso correo di tale epilogo”. Secondo Attig “i lavoratori sono stati traditi da tutti coloro che professavano etica e diritti. Interessi personali hanno prevalso sulla stabilità di 400 famiglie della holding venduta per miseri 30 denari”.

ULTIME NEWS