Pubblicato il

Usb: "Voto zero all'amministrazione Tidei"

CIVITAVECCHIA – L’Usb prova a dare un voto all’amministrazione Tidei. “Voto zero” scrivono dal sindacato. E provano a spiegarne il perché. “Dopo la nostra battaglia sindacale contro il sistema amministrativo del precedente sindaco Moscherini, ci siamo dovuti scontrare anche con le politiche e metodologie amministrative del sindaco Tidei, sbandieratore di un futuro che avanza ma che in realtà si è rivelato il più becero trapassato remoto. Nuova macrostruttura, nomine eccessive dell’organismo interno di valutazione, assunzioni e incarichi dirigenziali con articolo 110, assunzioni spropositate di collaboratori articolo 90, ufficio stampa macroscopico a completa spesa del cittadino, fondo salario accessorio 2013 ancora in altomare, trasferimenti di personale arbitrari, scarsa attenzione alle norme di sicurezza, eccessivi interventi straordinari e di reperibilità, borse di lavoro, …”. E l’Usb punta i riflettori su un’altra questione: Hcs e sot. “In un anno e mezzo è successo di tutto, i gravi danni procurati dall’amministrazione Moscherini non sono stati risolti, solo qualche comodo licenziamento politico ma nessun dirigente o funzionario colpevole è stato rimosso anzi confermati tutti i superminimi e i livelli acquisiti impropriamente”. E il sindacato continua il suo elenco: “Ulteriori assunzioni, trasferimenti, incarichi ad hoc, altri superminimi e livelli ai raccomandati, ai parenti e ai figli della politica. Privatizzazione e vendita delle società, profitto sulle farmacie e affidamento servizio idrico all’Acea Ato2 disattendendo così un referendum cittadino nonché il suo programma elettorale. Inoltre – prosegue il sindacato – Tidei aveva garantito la nomina di un solo amministratore delle società, ne sono stati nominati e cacciati a decine con il rischio del fallimento in tribunale sempre più reale”.

ULTIME NEWS