Pubblicato il

San Lorenzo, entro il 30 gennaio i nuovi contratti

San Lorenzo, entro il 30 gennaio i nuovi contratti

Il dirigente del Pincio Giulio Iorio interviene sullo stato dei lavori di riqualificazione del mercato

CIVITAVECCHIA – Dopo la nuova presa di posizione degli operatori del mercato, che ieri mattina si sono presentati al Comune per incontrare il commissario prefettizio ed avere chiarimenti e notizie certe sull’inaugurazione dle nuovo mercato, è il Pincio, tramite il dirigente Giulio Iorio, a fare il punto sullo stato dei lavori.
Un chiarimento resosi necessario per evitare quelle continue voci che non fanno altro che creare ancora più confusione rispetto a quella già esistente.
I più preoccupati, oggi, sono i titolari delle superfetazioni, quei box intorno alla struttura ittica che, come spiega il PIncio, non erano previsti nel progetto originario, così come i box interni «per cui si è dovuto procedere – ha spiegato Iorio – nell’aprile 2013, in corso d’opera, all’esecuzione degli stessi tramite due ulteriori progetti, di cui uno è in corso di ultimazione e l’altro è in corso di progettazione. In questo caso è stato già acquisito il parere favorevole della Soprintendenza».
Per quanto riguarda San Lorenzo, invece, la struttura è ultimata e collaudata. Si sta procedendo alla regolarizzazione degli arretrati sui canoni concessori prima della sottoscrizione del nuovo contratto di concessione, da stipularsi entro il 30 gennaio. «Successivamente – ha aggiunto il dirigente – le strutture provvisorie saranno rimosse».
In via di ultimazione, invece, i lavori dei box interni al mercato ittico, mai interrotti. La conclusione è prevista entro il 30 gennaio. Poi si dovrà procedere al collaudo. A febbraio anche gli operatori dei box interni all’ittico saranno invitati a regolarizzare eventuali arretrati e sottoscrivere i contratto, da stipulare entro il 28 febbraio.
Un chiarimento anche per piazza Regina Margherita «dove – ha sottolineato l’ingegner Iorio – i lavori non sono mai partiti in attesa del parere da parte della Soprintendenza sull’autorizzazione paesaggistica, ad oggi ancora non rilasciata. A febbraio saranno riposizionati i posteggi nelle aree esterne, per il successivo trasferimento degli operatori nelle aree limitrofe». 

ULTIME NEWS