Pubblicato il

Una carovana per il diritto alla mobilità

TARQUINIA. Organizzata dai comitati della Farnesiana. Partenza domani alle 10. «Un’occasione per conoscere le zone maggiormente danneggiate»

TARQUINIA. Organizzata dai comitati della Farnesiana. Partenza domani alle 10. «Un’occasione per conoscere le zone maggiormente danneggiate»

TARQUINIA – E domani alle 10 dalla strada vicinale Melledra, località Farnesiana, partirà una carovana a sostegno dei cittadini che si battono per una viabilità alternativa all’autostrada Tirrenica. La carovana organizzata da vari comitati percorrerà l’Aurelia fino al bivio per Tarquinia, via Aurelia vecchia, per poi proseguire verso la rotonda in località il Piano e terminare in piazza Matteotti. «Nel rispetto dei diritti fondamentali dei cittadini coinvolti nel progetto autostradale – spiegano i manifestanti – si chiede alla Sat che: renda pubblico un crono programma dei lavori che interesseranno tutte le zone coinvolte dal tracciato autostradale; realizzi idonee strade complanari di almeno tre metri per carreggiata adatte anche al transito dei mezzi agricoli; ripristini  e adegui il vecchio ponte sul fiume Mignone e, qualora non fosse possibile, che ne realizzi uno sostitutivo, prima della realizzazione dell’autostrada  e comunque prima della chiusura di tutti gli accessi in prossimità dell’attuale ponte (strada vicinale Melledra, in località Farnesiana, località Pian Boaro, località Pantano di sopra, ecc); riconosca un danno, e quindi un indennizzo, anche a tutti i residenti, alle aziende turistiche ed agrituristiche, che non sono stati espropriati ma che possono dimostrare di aver subito un danno dalla realizzazione dell’autostrada». Alla manifestazione sono invitati a partecipare tutti coloro che «credono che il diritto alla mobilità sia un diritto inalienabile e potranno farlo sia a piedi sia in auto sia con trattori». L’appuntamento per organizzare la partenza è alle 9,30 presso il presidio allestito sulla strada vicinale Melledra, Farnesiana, al km 84.100 della via Aurelia. «Prendere parte alla nostra manifestazione – spiegano gli organizzatori – sarà l’occasione per conoscere le zone maggiormente disagiate dal progetto Sat, per la viabilità inadeguata, che tutti saranno costretti a fare, quando il ponte sul Mignone sarà soltanto ad uso dell’autostrada. Stanno per toglierci l’Aurelia, prima di aver realizzato la viabilità alternativa all’autostrada, questo è il danno più grave che poteva fare Sat alla comunità, consumato nel silenzio di tutti, in deroga alla sicurezza stradale, alla vivibilità, al diritto alla mobilità».

ULTIME NEWS