Pubblicato il

Helyos, stipendi decurtati

Continuano i problemi per i dipendenti della società  appaltatrice del Pincio. L’azienda parla di conguaglio annuale, ma per i lavoratori è dura andare avanti.

Continuano i problemi per i dipendenti della società  appaltatrice del Pincio. L’azienda parla di conguaglio annuale, ma per i lavoratori è dura andare avanti.

CIVITAVECCHIA- Una decurtazione dello stipendio che supera in alcuni casi i cinquecento euro. E’ questa ancora una volta l’amara realtà dei dipendenti della società consortile vicentina Helyos s.p.a che gestisce le pulizie interne e le forniture di personale per la guardiania del comune. La motivazione ufficiale è che la carenza retributiva verrà «superata con un conguaglio annuale» ma molti lavoratori sembrano vedere ben lontana questa possibilità. 
 
L’appalto alla società di pulizie dura inoltre un solo anno. E la peggiore delle ipotesi è proprio che questo venga a terminare a pagamento retributivo ancora sospeso. Per i dipendenti della società la regolarità nel pagamento degli stipendi negli ultimi tempi non è mai stata una certezza. Ancora aperta la ferita degli assegni familiari che pure spetterebbero ad alcuni di loro. Sballottati tra le promesse di certa politica, che ascrive la spiacevole situazione alla caduta della giunta Tidei, e le scarse attenzioni sindacali, la situazione lavorativa dei dipendenti Helyos torna ad adagiarsi sul limbo indefinito del ‘‘domani’’. La società vicentina è già nota alle cronache locali del nord italia figurando appena qualche anno fa tra le cinque società che riscontrarono difficoltà nel pagamento di retribuzioni e contributi alle ‘‘donne delle pulizie’’, sue dipendenti presso i principali uffici delle Poste Italiane venete.  Situazione che sembrerebbe poi essersi però risolta per il meglio. Ma stavolta non vi sarebbe alcuna traccia delle buste-paga negli uffici comunali
ULTIME NEWS