Pubblicato il

I soprannomi di Allumiere quale argomento di discussione per la sua tesi di laurea

ALLUMIERE – “Non senza una punta d’orgoglio, l’assessorato alla Cultura di Allumiere si  appresta a dare corpo ad un’idea che raccoglie il patrimonio storico-folkloristico-dialettale del nostro paese, riassunto in un particolarissimo libro”. Ad esprimersi così la delegata alla Cultura di Allumiere, Stefania Cammilletti la quale annuncia che venerdì 31 gennaio alle 18, presso l’Auditorium Comunale, avverrà la presentazione del volumetto “Una chicca offertaci dall’estro poetico di Alessandro Cirilli e dall’approfondito studio di Veronica Ceccarelli, una nostra brillante studentessa che – prosegue la Cammilletti – ha scelto proprio i soprannomi di Allumiere quale argomento di discussione per la sua tesi di laurea”. Dai più antichi ai più recenti la raccolta snocciola in rima  più di milletrecento “nickname” dettati da caratteristiche fisiche, dal carattere, dal modo di interloquire, che danno modo di identificare con certezza le persone cui ci si intende riferire. La lunga sfilza dei soprannomi sembra non dover finire mai, ognuno aspetta di sentire il proprio, è un segno di appartenenza al paese. “Nei soprannomi trova piena espressione la verve comica, ironica e spesso sarcastica della sensibilità popolare, nonché una grande fantasia poliedrica e irriverente – spiega il primo cittadino di Allumiere, Augusto Battilocchio –  l’uso del soprannome è antico: è un modo per socializzare e mantenere vivo il clima di confidenza e familiarità, è un modo per fissare nella memoria collettiva storie e caratteristiche di cui altrimenti si perderebbe la memoria, è un modo per riconoscere persone che oggi sarebbe impossibile immaginare senza questi attributi”. Nella vita quotidiana questi sono ormai i nomi con cui li si pensa, li si chiama, o li si ricorda. “Abbiamo voluto arricchire questa stupenda raccolta con un approfondito studio curato da Veronica – spiega la delegata alla Cultura, Stefania Cammilletti – il suo è un lavoro di grande interesse. Con una snella carrellata ci porta a contatto con un vastissimo repertorio di soprannomi tipici di Allumiere corredati dalla ricerca delle origini, assai diverse fra loro, che ci fanno scoprire sfaccettature impensabili e singolari particolarità del vasto campo analizzato”. L’amministrazione comunale che ha curato la stampa del libro invita la popolazione a partecipare; nel corso della serata si potrà ricevere una  copia del libro in cambio di un contributo volontario a favore dell’ADAMO. (Rom. Mos.)

 

ULTIME NEWS