Pubblicato il

S. Marinella con i Marò italiani

S. MARINELLA – Sulla nota vicenda dei due marò bloccati in India perché accusati di aver ucciso due pescatori mentre stavano in servizio scorte su una nave italiana per evitare che i parati l’attaccassero, è intervenuta anche l’amministrazione comunale di Santa marinella che oggi ha deciso di pubblicare sul proprio sito istituzionale il logo contraddistinto da un nastrino giallo con stemma della Brigata Marina San Marco, in segno di simbolica vicinanza ai due fucilieri di marina, il capo di 1^ classe Massimiliano Latorre e il secondo capo Salvatore Girone, tenuti prigionieri in India dal lontano 5 marzo 2012. A spiegare le ragioni dell’iniziativa è l’avvocato Marco Valerio Verni delegato alle Politiche Giuridiche e Legalità del Comune. «Si tratta di un gesto simbolico che vuole testimoniare la vicinanza della città di Santa Marinella ai nostri due militari che, come è ormai riconosciuto a livello mondiale non per ultimo la posizione sostenuta dall’Italia nel negoziato con l’India nel G8 che si è svolto a Washington durante l’aprile del 2012 che ha riaffermato nel suo documento finale il principio che attribuisce alla bandiera delle navi il diritto di giurisdizione in caso di incidente in acque internazionali, sono detenuti in maniera illegittima dalle autorità indiane – dice l’avvocato Verni – per non considerare l’enorme lasso di tempo intercorso dai fatti contestati senza che vi sia stata ancora un’imputazione precisa e con l’ipotesi, troppe volte minacciata, che i due militari possano essere soggetti al Sua Act Convention for the Suppression of Unlawful Acts against the Safety of Maritime Navigation e, conseguentemente, sottoposti alla pena di morte nel caso di condanna». «Un’amministrazione che si rispetti – conclude il delegato – deve saper trasmettere anche questi valori specialmente ai più giovani, rompendo ogni ipocrisia e vincendo ogni paura o remora nel difendere concetti sacrosanti come la Patria, la Nazione e Italia». Su questa posizione si è associato anche il sindaco Roberto Bacheca che ha sposato l’iniziativa senza indugi auspicando che anche altri Comuni seguano l’esempio di Santa Marinella.

ULTIME NEWS