Pubblicato il

Castello: tutti contro Zingaretti

S. MARINELLA. Si riunisce oggi pomeriggio alle 17,30  il consiglio comunale aperto presso la Sala Flaminia Odescalchi di via della Libertà. Comitati e amministrazione comunale contrari al bando della Regione per la gestione di tutto il complesso monumentale 

S. MARINELLA. Si riunisce oggi pomeriggio alle 17,30  il consiglio comunale aperto presso la Sala Flaminia Odescalchi di via della Libertà. Comitati e amministrazione comunale contrari al bando della Regione per la gestione di tutto il complesso monumentale 

di GIAMPIERO BALDI

S. MARINELLA – Continua senza sosta la battaglia dell’amministrazione comunale e delle associazioni che compongono il Comitato in Difesa del Castello, per evitare la sciagurata decisione della Regione Lazio di indire una gara di appalto per la gestione del maniero di Santa Severa.
Dopo l’infruttuoso incontro tenutosi due settimane fa alla Pisana tra il sindaco Roberto Bacheca con il dirigente dell’ufficio demanio, il conflitto tra l’attuale maggioranza e il governatore Zingaretti ha subito una notevole impennata e non è stata sufficiente la convocazione del Comitato Difesa Castello organizzato dalla Regione per il 6 marzo, a smorzare i toni della polemica. Dopo varie riunioni, Sindaco e Comitato, hanno deciso di tenere un consiglio comunale aperto su questa vicenda che è in programma oggi pomeriggio alle 17,30 presso la Sala Flaminia Odescalchi di via della Libertà. Si discuterà ovviamente sul futuro utilizzo del bene archeologico che la Regione Lazio intende privatizzare, a fronte delle disposizioni giunte da via della Pisana che lasciano trapelare una destinazione ben diversa per il bellissimo monumento storico. «Il Consiglio comunale aperto – afferma Bacheca – sarà utile per ribadire con forza le nostre posizioni in merito al progetto di utilizzo del maniero di Santa Severa, approvato all’unanimità da questa assise e completamente ignorato dai rappresentanti della Regione Lazio che hanno pensato bene di mettere a bando tutto il complesso monumentale, compresa la Rocca e la Torre Saracena che, a nostro avviso, andrebbero assegnati al Comune per essere utilizzati a scopo istituzionale, culturale, ricreativo e associativo».
«Al consiglio comunale – continua il Sindaco – sono stati invitati tutti i capigruppo regionali, oltre ovviamente alle associazioni e ai comitati che da tempo, congiuntamente all’amministrazione comunale, si battono affinché il castello diventi una risorsa economica, turistica, culturale e occupazionale e non solo un investimento per qualche privato”. “Mi auguro – conclude Bacheca – che le posizioni, nonostante l’appartenenza politica, siano coese e le eventuali ulteriori proposte costruttive convergenti, così da dimostrare con forza e fermezza la posizione del Comune di Santa Marinella in merito a questa vicenda».

ULTIME NEWS