Pubblicato il

Monti: "Concordia, assurdo lo smaltimento all'estero"

CIVITAVECCHIA – «Sarebbe assurdo consentire lo smaltimento della Costa Concordia all’estero». Lo ha ribadito Pasqualino Monti invitato, in qualità di presidente di Assoporti, alla trasmissione “Tg2 Punto di vista”, in onda ieri sera alle 23.20, condotta da Maurizio Martinelli, interamente dedicata ai porti italiani. «L’Italia ha 23 autorità portuali – ha aggiunto Monti – Civitavecchia sarebbe pronta ad ospitare il relitto già domani, e come lei anche altri scali». Il numero uno di Molo Vespucci, in studio insieme al presidente Federagenti Michele Pappalardo, è intervenuto anche su altri temi di stretta attualità. Dall’occupazione, che nel settore marittimo è ancora stabile, alla logistica, con Monti che ha sottolineato la necessità di dotare le Autorità Portuali di autonomia finanziaria per investire in infrastrutture che rispondano alle richieste dei mercati, ma anche di ampliare i poteri, coordinando l’intera filiera della logistica, «per abbattere, ad esempio – ha aggiunto – anche i tempi di movimentazione delle merci, con un occhio alla burocrazia che va velocizzata: è impossibile che, per sdoganare una merce, servono 17/18 passaggi, da ripetere nel porto successivo». Secondo il presidente di Assoporti occorre far capire, anche e soprattutto alla politica, l’importanza dell’economia che deriva dal mare. Attenzione anche al turismo, «che deve partire – ha concluso Monti – dalla valorizzazione dei beni culturali  di cui l’Italia è ricca». Rientra in questo quadro, ad esempio, l’intervento che insieme al Ministero e alla Sovrintendenza, si sta portando avanti alla Frasca, per riportare alla luce reperti storici di grande importanza.

ULTIME NEWS