Pubblicato il

Cattedrale gremita per l'addio a Bruno Scarmigliati

Cattedrale gremita per l'addio a Bruno Scarmigliati

CIVITAVECCHIA – Cattedrale gremita per l’ultimo saluto a Bruno Scarmigliati, il dipendente comunale che si è tolto la vita venerdì mattina. Particolare stupore hanno suscitato le parole pronunciate sull’altare dal fratello Roberto il quale ha motivato il gesto estremo facendo riferimento a «problemi lavorativi di Bruno, che lo avevano sconvolto. Oggi – ha proseguito – non sono presenti né l’ex sindaco né il comandante della Polizia Locale né altri dirigenti. Comunque è stato lasciato tutto scritto».
Dentro e fuori la chiesa tanti colleghi e tanti amici, che si sono stretti attorno alla famiglia e lo hanno salutato con un applauso.
Intanto proseguono le indagini dei carabinieri, nell’ambito dell’inchiesta aperta dalla Procura per chiarire i reali motivi che hanno spinto Bruno al suicidio. Il dipendente comunale, a quanto pare, avrebbe espresso negli ultimi giorni forti preoccupazioni su una presunta convocazione in Procura, proprio per venerdì mattina: ne aveva parlato con alcuni colleghi che lo avrebbero comunque tranquillizato. Ma non ci sarebbe stata alcuna convocazione, né tantomeno un’inchiesta aperta proprio su di lui: nessun fascicolo a suo nome, come tanto temeva negli ultimi mesi.

ULTIME NEWS